AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Qualita' dell'aria, rumore e campi elettromagnetici

Sei in: Home > Ambiente > Qualità dell'aria, rumore e campi elettromagnetici > Qualità dell'aria > Dati qualità dell'aria > IPQA > Lettura dell'IPQA

La lettura dell'IPQA

L'IPQA è una previsione dei livelli di inquinamento rappresentata attraverso una semplice scala di valori. L'IPQA ha come obiettivo quello di fornire un'indicazione quotidiana sulla qualità dell'aria in relazione alle sostanze inquinanti prese in considerazione (PM10, NO2, O3) e ai limiti normativi fissati dalla Direttiva Comunitaria 2008/50/EC e dal D.Lgs 13 agosto 2010 n. 155.

Un valore numerico di IPQA uguale a 100 corrisponde ai limiti e obiettivi di qualità dell'aria definiti per la protezione della salute umana sui brevi periodi temporali (medie giornaliere o orarie). Così, valori di IPQA inferiori a 100 sono generalmente soddisfacenti con nessun potenziale interesse per la salute e, quanto più i valori di IPQA sono superiori a 100, tanto più la qualità dell'aria è considerata non cautelativa, inizialmente solo per i gruppi di persone più sensibili, poi per tutti.

Il numero e la definizione delle classi dell'indice sono determinati da esigenze di natura comunicativa ed informativa e rispecchiano fedelmente le soglie di riferimento stabilite per i diversi inquinanti dalla normativa di settore. Si è inoltre deciso di non associare ai diversi livelli consigli per l'adozione di comportamenti virtuosi finalizzati a limitare l'emissione di sostanze inquinanti quali ad esempio ridurre l'uso dell'automobile privilegiando mezzi pubblici o sistemi di mobilità sostenibile o diminuire le temperature all'interno di case ed uffici. Si ritiene infatti che tali comportamenti debbano rappresentare una prassi quotidiana e non siano da promuovere solo in concomitanza dei periodi di criticità.

Ai 5 livelli di IPQA si associano pertanto i seguenti giudizi in merito alla qualità dell'aria e diversi colori:

1 - "ottima", colore verde scuro, il valore numerico di IPQA è compreso fra 0 e 50. La qualità dell'aria è ottima, le concentrazioni previste degli inquinanti sono notevolmente inferiori alle soglie di riferimento relative ai valori limite e obiettivo di breve periodo per la tutela della salute umana.

2 - "buona", colore verde chiaro, il valore numerico di IPQA è compreso fra 51 e 70. La qualità dell'aria è buona, le concentrazioni previste degli inquinanti sono inferiori alle soglie di riferimento relative ai valori limite e obiettivo di breve periodo per la tutela della salute umana.

3 - "accettabile", colore giallo, il valore numerico di IPQA è compreso fra 71 e 100. La qualità dell'aria è accettabile, le concentrazioni previste degli inquinanti sono prossime alle soglie di riferimento relative ai valori limite e obiettivo di breve periodo per la tutela della salute umana.

4 - "cattiva", colore rosso, il valore numerico di IPQA è compreso fra 101 e 200. La qualità dell'aria è cattiva. Le concentrazioni previste degli inquinanti sono superiori alle soglie di riferimento relative ai valori limite e obiettivo di breve periodo per la tutela della salute umana.

5 - "pessima", colore viola, il valore numerico di IPQA è maggiore di 200. La qualità dell'aria è pessima, le concentrazioni degli inquinanti sono ampiamente superiori alle soglie di riferimento relative ai valori limite e obiettivo di breve periodo per la tutela della salute umana.

Ultimo aggiornamento: 01/12/2011

 



Utilità