AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Rifiuti

Sei in: Home > Ambiente > Rifiuti > Ciclo integrato rifiuti > Politiche e progetti > Incentivazione raccolta differenziata > Bando 2011

Bando per l'assegnazione di contributi finanziari a favore dei comuni per la progettazione e la realizzazione di servizi innovativi di raccolta differenziata dei rifiuti urbani (DGP 1535-47787 del 30/12/2010)

  • Descrizione del bando

    La Provincia di Torino fin dal 2002 ha avviato una serie di attività per la realizzazione di servizi innovativi di raccolta differenziata (RD) nei Comuni del territorio di competenza, attraverso il supporto tecnico-progettuale a Consorzi e Comuni e il finanziamento di specifici progetti territoriali. Tali iniziative hanno prodotto una costante crescita delle percentuali di raccolta differenziata misurabili sull'intero territorio provinciale, che è passata da circa il 6% nel 1996 al 49,6% nel 2009.

    Il principale fattore di successo di questi progetti è individuabile nella forte collaborazione avviata fra i diversi Enti Pubblici (Provincia, Consorzi, Comuni) e nella metodologia adottata: la raccolta domiciliare risulta (con una esperienza ormai consolidata nella Provincia di Torino) quale principale sistema efficace per il raggiungimento di obiettivi che superano il 50% di RD, con quote di eccellenza che in taluni casi toccano l'80% di RD.

    Al 2009 circa 252 sono i Comuni con sistemi domiciliari di raccolta differenziata dei rifiuti urbani già avviati o in corso di attivazione, e il 75% circa è la popolazione della provincia di Torino coinvolta.

    Il vigente PPGR, approvato con DCP n° 367482 del 28/11/2006, indica fra gli obiettivi di programmazione il superamento del 50% di RD a partire dal 2010, obiettivo che si ritiene possa essere raggiunto nei tempi programmati. La normativa nazionale di riferimento (Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i.), emanata successivamente all'approvazione del PPGR2006, prevede il raggiungimento del 65% di RD al 2012. L'art. 205 del Dlgs citato (come modificato dall'art. 21, comma 2, del Dlgs n. 205 del 3 dicembre 2010) prevede, tuttavia, che nel caso in cui, dal punto di vista tecnico, ambientale ed economico, non sia realizzabile raggiungere gli obiettivi di raccolta differenziata previsti al comma 1 dell'articolo citato (ovvero il 65% di RD), è possibile la deroga al rispetto degli obblighi di cui al medesimo comma 1.

    Il redigendo PPGR individua i seguenti obiettivi di raccolta differenziata:

    Comuni per classi di abitanti Obiettivo minimo di RD al 2015 (%)
    Fino a 30.000 abitanti 65
    Fra 30.000 e 100.000 abitanti 60
    Torino 52

    Al fine di raggiungere tale obiettivo è necessario proseguire nell'attività di supporto tecnico e finanziario di nuovi progetti integrati di raccolta differenziata.

    L'Amministrazione Provinciale, pur continuando a ritenere il sistema domiciliare quale sistema privilegiato di raccolta differenziata in grado di produrre ottimi effetti sia in termini quantitativi che qualitativi di raccolta differenziata, oltre che produrre una lieve diminuzione della produzione totale, non esclude la possibilità di applicazione di sistemi alternativi (sistemi di prossimità, sistemi misti).

    A questo scopo la Provincia di Torino ha redatto un "NUOVO BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI FINANZIARI A FAVORE DEI COMUNI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI" approvato con DGP 1535-47787 del 30/12/2010 e i relativi allegati:

    • Allegato 1 – Requisiti minimi dei progetti di raccolta ammissibili a finanziamento
    • Allegato 2 – Modulistica
    • Allegato 3 – Schede per la redazione del progetto, per il collaudo
    • Allegato 4 – Importo del contributo e modalità di erogazione.

    Gli importi del contributo concesso saranno proporzionali alla popolazione residente nel comune secondo quanto riportato nella seguente tabella:

    Tipologia del Comune in funzione della dimensione del Comune (abitanti da Banca dati evolutiva della Regione Piemonte) Importo del contributo pro-capite (Euro/abitante)
    < 5.000 Fino ad un massimo di 15 €
    5.000 – 15.000 Fino ad un massimo di 12 €
    > 15.000 Fino ad un massimo di 10 €

    Al fine di tutelare i Comuni con un numero esiguo di abitanti, è prevista una soglia minima per il contributo che si andrà ad erogare di importo pari a 10.000,00 €.

  • Graduatoria terza tranche (formato pdf 63 KB)
  • Graduatoria seconda tranche (formato pdf 23 KB)
  • Graduatoria prima tranche (formato pdf 102 KB)
  • D.G.P. n. 1535-47787 del 30/12/2010 (formato pdf 19 KB) modificata con D.G.P. n. 878-31140 del 20/09/2011 (formato pdf 45 KB)
  • Allegato A (formato pdf 28 KB)
  • Allegato B (formato pdf 68 KB)
  • Database per la compilazione delle schede (formato zip 840 KB)

osservatorio.rifiuti@provincia.torino.it

Ultimo aggiornamento: 29/11/2013

 



Utilità