AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Risorse idriche

Sei in: Home > Ambiente > Risorse idriche > Progetti > Contratti di Fiume e Lago > Sangone > IDRA III

IDRA - Immaginare, Decidere, Riqualificare, Agire. LA TERZA EDIZIONE 

Nel panorama provinciale di attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale, il progetto IDRA, giunto alla sua terza edizione, si è contraddistinto per la capacità di consolidare ed ampliare la fitta rete di soggetti locali impegnati nella creazione di una nuova metodologia di governance del territorio.

Logo del Contratto di Fiume del Torrente Sangone

Nato nel 2007 con l’obiettivo di affiancare il processo del Contratto di Fiume del Bacino del Torrente Sangone, il progetto è diventato parte integrante della realtà territoriale nella quale si inserisce. Quest’anno, i soggetti partner sono il Comune di Bruino (in qualità di ente capofila), in collaborazione con i Comuni di Beinasco, Giaveno, Rivalta, Sangano, Trana e Nichelino, la Provincia di Torino, il Parco del Po tratto torinese, il Politecnico di Torino, il Comune di Avigliana e l’Ente parco di Avigliana, con il supporto dello Studio Sferalab per l’ideazione, il coordinamento progettuale e il supporto metodologico e di facilitazione.
Tale partnership ha consentito la realizzazione di molteplici iniziative di informazione e sensibilizzazione mediante il coinvolgimento di amministrazioni locali, mondo scolastico, accademico, associazioni e cittadinanza in percorsi di confronto e momenti di progettazione partecipata.

Il percorso di progettazione integrata, avviato con il concorso per il Masterplan del Contratto di Fiume, ha trovato una prosecuzione ideale nella realizzazione di specifici laboratori di progettazione urbanistico – architettonica (Atelier di Progettazione Urbana), inseriti nel piano di studi del corso di laurea specialistica in Patrimonio della Seconda Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Circa 60 studenti universitari hanno cosi avuto la possibilità di cimentarsi nella progettazione e riqualificazione dei territori fluviali e perifluviali appartenenti ai Comuni coinvolti nel progetto.

il Workshop di progettazione partecipata Nello specifico, i casi studio analizzati hanno riguardato la variante in corso del piano regolatore (PRGC) del Comune di Avigliana ed un ambito del piano regolatore del Comune di Beinasco. I progetti realizzati hanno riguardato la creazione di corridoi ecologici di collegamento tra il centro storico di Avigliana ed il Lago Grande e la rivitalizzazione della frazione Borgaretto di Beinasco attraverso un’ottimizzazione degli spazi pubblici e l’ideazione di nuovi percorsi pedonali. Contestualmente alle attività dei laboratori, si è realizzato un Workshop di progettazione partecipata, sempre dedicato agli studenti di Architettura, incentrato su casi studio più circoscritti e puntuali quali: Comune di Nichelino: Porta di Stupinigi e connessioni con il sistema territoriale del Sangone; Comune di Trana: Palazzo Gromis, il centro storico e i beni paesaggistici del Sangone; Comune di Giaveno: riqualificazione del sistema delle borgate (la Borgata Dalmassi). Al fine di fornire agli studenti gli adeguati strumenti conoscitivi, è stato realizzato un incontro propedeutico a cura della Direzione Ambiente della Regione Piemonte, dell'Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile e dell'Area Risorse Idriche e Qualità dell'Aria della Provincia di Torino. L’obiettivo del Workshop è stato quello di coinvolgere il mondo accademico al fine di registrare le aspettative e le proposte dei giovani in merito ai principali temi di interesse del dibattito pubblico scaturito nell’ambito del Progetto IDRA. Dal lavoro degli studenti, infatti, sono emersi interessanti elementi di identità locale, temi, idee, proposte finalizzate all’arricchimento del percorso partecipativo che potrà contribuire all’elaborazione di politiche e strategie condivise per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio. I tematismi sviluppati dai lavori degli studenti hanno messo in luce una visione integrata della progettazione architettonico-urbanistica. Rete ecologica, piste ciclabili, utilizzo di materiali eco-compatibili, potenziamento degli spazi espositivi e di incontro, come leitmotiv dei progetti realizzati. Il territorio si ripensa in base alle esigenze del cittadino ma anche dell’ambiente e del paesaggio, elemento quest’ultimo tenuto in grande considerazione.

Sul versante della comunicazione, IDRA III mira ad una diffusione capillare di informazioni, tentando di sensibilizzare quei soggetti difficilmente raggiungibili attraverso le diverse modalità di partecipazione. Per ottenere tale risultato si sono così creati specifici supporti audiovisivi. Il video istituzionale "IDRA – Immaginare, Decidere, Riqualificare, Agire", risultato del lavoro congiunto di tutto il partenariato progettuale, ha avuto lo scopo di trasporre in immagini il percorso ed il significato del Contratto di Fiume del Bacino del Torrente Sangone e del processo che condurrà al Contratto dei Laghi di Avigliana. Il prodotto finale, efficace veicolo di informazioni, è stato poi diffuso sul territorio.

Il video istituzionale IDRA - Contratto di Fiume del Torrente Sangone
56Kbit/s | Adsl | 1,5Mbit/s

la registrazione del talk show "L'Italia dei Comuni"

Ulteriore innovativo strumento di comunicazione è stato il talk show televisivo: attraverso due puntate speciali della trasmissione "Italia dei Comuni" – trasmesse su Rete7 il 12 (prima puntata) ed il 19 Maggio 2011 (seconda puntata) - si è inteso trattare tematiche specifiche inerenti la risorsa idrica, quali la fruizione e l’inquinamento. Gli amministratori di Bruino, Giaveno, Beinasco, Rivalta, Trana, Nichelino, i rappresentanti dell’Ente Parco fluviale del Po Tratto Torinese e l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Torino, si sono prestati alle domande del giornalista rendendo cosi possibile la creazione di un momento televisivo di approfondimento, capace di attirare e avvicinare la cittadinanza al complesso tema della gestione della risorsa idrica. 
 

 Vai alla prima edizione del progetto IDRA  

 Vai alla seconda edizione del progetto IDRA  

Ultimo aggiornamento: 30/12/2011

 



Utilità