AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Rischio industriale

Sei in: Home > Ambiente > Rischio industriale

ATTENZIONE!
Questa pagina non è più aggiornata.
Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulla nuova pagina "Rischio industriale"
nel sito della Città Metropolitana di Torino.

 

Il Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali

In tema di attività a rischio di incidente rilevante (r.i.r.):

  • collabora con gli enti pubblici preposti nello svolgimento delle attività di prevenzione e controllo assegnate dalla legge;
  • d'intesa con la Prefettura, coordina il gruppo di lavoro sui Piani di Emergenza Esterni e cura la redazione dei Piani;
  • partecipa alle attività istruttorie di competenza del Comitato Tecnico Regionale presieduto dai Vigili del Fuoco per gli stabilimenti di cui all'art. 8 del d.lgs. 334/99;
  • partecipa alle verifiche ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza per gli stabilimenti di cui all'art. 6 del d.lgs. 334/99 di competenza della Regione Piemonte e condotte dalle strutture tecniche di ARPA Piemonte;
  • organizza e presiede i tavoli tecnici di supporto per i Comuni previsti per l'adeguamento dei piani regolatori alla Variante "Seveso" al PTC;
  • elabora pareri sugli aspetti legati al rischio industriale nell'ambito delle autorizzazioni integrate ambientali, delle procedure di VIA e VAS o nell'ambito di varianti strutturali ai piani regolatori dei Comuni e delle Comunità Montane.

In tema di oli minerali:

Rilascia le autorizzazioni previste dall'art. 1 comma 56 della Legge n. 239/2004 (c.d. Legge Marzano) per le seguenti tipologie di impianti:

  • i depositi di oli minerali con capacità complessiva superiore a 25 mc (10 mc per i depositi commerciali) e fino a 10.000 mc;
  • gli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL fino ad una capacità di stoccaggio di 200 ton (380 mc circa);
  • i depositi di GPL in bombole con capacità complessiva superiore a 1000 kg (e fino a 200 ton) di prodotto stoccato;
  • attività di vendita di GPL da parte di "operatori terzi" facenti parte dell'organizzazione commerciale delle aziende distributrici (art. 20 comma 3 del D.Lgs n. 128/2006).

In tema di prevenzione del rischio nelle attività estrattive:

  • valuta gli aspetti del rischio nei nuovi progetti di coltivazione
  • esamina i Documenti di Sicurezza e Salute (DSS) trasmessi dalle Imprese
  • rilascia gli attestati per l'uso di esplosivi attraverso l'approvazione dell'Ordine di Servizio, ai sensi del D.P.R. n. 128/1959

NEWS

Piani di Emergenza Esterni

Novembre 2014 - Pubblicato il Piano approvato dello stabilimento Ahlstrom Italy (Mathi)

Piani di Emergenza Esterni

Pubblicato il Piano approvato dello stabilimento Rivoira (Chivasso)

Piani di Emergenza Esterni

Pubblicata la bozza in fase di aggiornamento del Piano di Carmagnani Piemonte (Grugliasco)

Piani di Emergenza Esterni

Pubblicata la bozza in fase di aggiornamento del Piano di Air Liquide Italia Service (Grugliasco)

25/02/2014 - Approvate le modifiche al Regolamento in materia di oli minerali (formato pdf 79 KB)

Con D.C.P. n. 51449/2013 del 25/02/2014 sono state approvate modifiche al vigente Regolamento in materia di oli minerali, che recepiscono le diverse attribuzioni provinciali derivanti dal D.L. n. 5 del 09/02/2012 (c.d. decreto semplificazioni) e dalla L.R. n. 28/2008

Direttiva Seveso

Trofarello è il primo comune ad adeguare il Piano regolatore

Variante al Piano Territoriale di Coordinamento in materia di industrie a rischio

La Variante al PTCP in materia di industrie a rischio è stata approvata dal Consiglio Regionale del Piemonte con D.C.R. n. 23-4501 del 12 ottobre 2010. In linea gli approfondimenti e gli adempimenti dei Comuni

Ultimo aggiornamento: 21/05/2015

 



Utilità