AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Rischio industriale

Sei in: Home > Ambiente > Rischio industriale > Oli minerali

ATTENZIONE!
Questa pagina non è più aggiornata.
Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulla nuova pagina "Oli minerali"
nel sito della Città Metropolitana di Torino.

 

OLI MINERALI

Ai sensi della Legge n. 239/2004 del 23/08/2004 (c.d. Legge Marzano), art.1, comma 8, lettera c), rientrano nella definizione di "oli minerali" gli oli minerali greggi, i residui delle loro distillazioni e tutte le specie e qualità di prodotti petroliferi derivati e assimilati, compresi il gas di petrolio liquefatto e i biocarburanti ed i bioliquidi. Ulteriori e più dettagliate definizioni di "petrolio greggio", "prodotti petroliferi", "biocarburanti" e "bioliquidi" sono presenti nel Regolamento CE n. 1099/2008 e nel D.Lgs n. 28/2011.

La stessa Legge n. 239/2004 ha trasferito alle Regioni, a partire dal 28/09/2004, la competenza in materia di oli minerali; la Regione Piemonte, con l'art. 53 della L.R. n. 44/2000 e s.m.i. ha attribuito alle Province le funzioni amministrative inerenti il rilascio dei provvedimenti in materia di deposito e lavorazione di oli minerali.

La Provincia di Torino è pertanto l'Ente competente per il rilascio delle autorizzazioni relative agli stabilimenti di deposito e di lavorazione di oli minerali e GPL, che in precedenza erano rilasciate dal Ministero delle Attività Produttive o dalla Prefettura, ad eccezione delle "infrastrutture ed insediamenti strategici".

Gli impianti soggetti a regime autorizzativo provinciale sono i seguenti:

  • i depositi di oli minerali con capacità complessiva superiore a 25 mc (10 mc per i depositi commerciali) e fino a 10.000 mc
  • gli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL fino ad una capacità di stoccaggio di 200 ton (380 mc circa)
  • i depositi di GPL in bombole con capacità complessiva superiore a 1000 kg (e fino a 200 ton) di prodotto stoccato
  • attività di vendita di GPL da parte di "operatori terzi" facenti parte dell'organizzazione commerciale delle aziende distributrici (art. 20 comma 3 del D.Lgs n. 128/2006)

Sono invece soggetti a regime autorizzativo di competenza non provinciale:

  • le infrastrutture e insediamenti strategici come definiti dall'art. 57 del D.L. 09/02/2012 n. 5
  • gli impianti di distribuzione carburanti (con relativo stoccaggio)

Il Consiglio Provinciale, con Deliberazione n. 208-343478/2007 del 10/07/2007, come modificata dalla Deliberazione n. 51449/2013 del 25/02/2014, ha approvato il Regolamento per l'organizzazione e lo svolgimento delle funzioni provinciali in materia di oli minerali.

Le istanze di autorizzazione e le altre comunicazioni, redatte seguendo la modulistica appositamente predisposta, dovranno essere trasmesse all'indirizzo PEC della Provincia: protocollo@cert.provincia.torino.it.

In alternativa, potranno essere trasmesse in forma cartacea, o consegnate allo Sportello Ambiente della Provincia, indirizzandole a:

Provincia di Torino
Area Sviluppo Sostenibile e Pianificazione Ambientale
Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali
Corso Inghilterra, 7
10138 TORINO

Contatti:
Area Sviluppo Sostenibile e Pianificazione Ambientale - Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali
Ufficio "Prevenzione del Rischio nelle Attività Industriali ed Estrattive"
Dirigente del Servizio: Paola Molina
Responsabile Ufficio: Sergio Prato
Tel. 011 8616864 - Fax 011 8614279
E-mail: sergio.prato@provincia.torino.it

Ultimo aggiornamento: 21/05/2015

 



Utilità