AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Rischio industriale

Sei in: Home > Ambiente > Rischio industriale > Variante "Seveso" al PTC

ATTENZIONE!
Questa pagina non è più aggiornata.
Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulla nuova pagina "Variante SEVESO al Piano Territoriale di Coordinamento"
nel sito della Città Metropolitana di Torino.

 

VARIANTE "SEVESO" AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO (PTC)

Questo Servizio, in collaborazione con il Servizio Pianificazione Territoriale, ha elaborato e redatto la Variante al Piano Territoriale di Coordinamento denominata "Requisiti minimi in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante", adottata dal Consiglio Provinciale con D.C.P. n. 198-332467 del 22 maggio 2007.

In coerenza con l'indirizzo politico che informa anche il nuovo piano territoriale, denominato PTC2, la Provincia ha dettato norme finalizzate a garantire un maggior livello di sicurezza per la popolazione e per l'ambiente rispetto al rischio industriale costituito dagli stabilimenti a rischio di incidente rilevante, ivi comprese alcune categorie di impianti comunemente denominati "sottosoglia" e spesso fonte di maggior rischio incidentale in quanto meno soggette a controlli.

Il 12 ottobre 2010, il Consiglio Regionale del Piemonte ha finalmente approvato (con modificazioni apportate d'ufficio) la Variante con D.C.R. n. 23-4501 del 12 ottobre 2010. La Variante è quindi pienamente in vigore e vincola comuni e gestori degli stabilimenti a una valutazione della compatibilità territoriale e ambientale degli stabilimenti rispetto agli insediamenti limitrofi e agli altri usi legittimi del territorio.

Il testo coordinato della Variante, compresi gli elaborati grafici e di supporto e i principali adempimenti da parte dei Comuni sono pubblicati a cura del Servizio Pianificazione Territoriale Generale e Co-pianificazione Urbanistica.

Ultimo aggiornamento: 21/05/2015

 



Utilità