AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino, pertanto non saranno più garantiti gli aggiornamenti dei vari canali di questo sito.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi da parte dell'Ente, sono raggiungibili dal portale della Città Metropolitana di Torino, attraverso il quale è possibile collegarsi anche con le pagine ancora in fase di completamento.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Ambiente

Rischio industriale

Sei in: Home > Ambiente > Rischio industriale > Rischio attività estrattive

ATTENZIONE!
Questa pagina non è più aggiornata.
Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulla nuova pagina "Prevenzione del rischio nelle attività estrattive"
nel sito della Città Metropolitana di Torino.

 

PREVENZIONE DEL RISCHIO NELLE ATTIVITA' ESTRATTIVE

Valutazione degli aspetti del rischio nei nuovi progetti di coltivazione

Il D.Lgs n. 81/2008 (c.d. Testo Unico sulla Sicurezza) ha raccolto in un unico dispositivo tutte le norme relative alla sicurezza, ad eccezione del D.Lgs n. 624/1996 inerente il campo delle industrie estrattive.

Per le attività estrattive vi è dunque un "doppio" regime normativo:

  1. il Testo Unico, che si applica a tutti i luoghi di lavoro (comprese le cave)
  2. il Decreto 624, che si applica esclusivamente alle cave

L'art. 22 del Testo Unico, riprendendo quanto già contenuto nell'art. 6 del D.Lgs n. 626/2004, richiede il rispetto dei principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e salute, già al momento delle scelte progettuali (c.d. "Prevention Through Design").

In quest'ottica, la documentazione progettuale a corredo delle istanze di autorizzazione alla coltivazione di cava prevede una Relazione tecnica riguardante l'analisi dei principali problemi di sicurezza del lavoro connessi all'esecuzione del progetto di coltivazione.

I contenuti minimi della Relazione sono riportati nelle schede scaricabili dalla modulistica: la compilazione delle schede, corredate dagli opportuni allegati, può sostituire la redazione ed anche, in prospettiva futura, l'invio cartaceo della relazione stessa.

Le schede traggono origine e spunto dal software sviluppato nell'ambito della collaborazione con il Politecnico di Torino, tuttora utilizzabile in alternativa alle medesime.


Esame dei DSS

Il Documento di Sicurezza e Salute (DSS), previsto dagli artt.6 e 9 del D.Lgs n. 624/1996, definisce e valuta i rischi a cui sono sottoposti i lavoratori, al fine di individuare le opportune misure di prevenzione da adottarsi in situazioni ordinarie, ovvero di pericolo o di emergenza; il DSS deve essere trasmesso prima dell'inizio dell'attività ed ogniqualvolta vi siano degli aggiornamenti.

Il DSS è strettamente correlato al piano di coltivazione e, in ottica "Prevention Through Design", discende direttamente dalla Relazione descritta nel precedente paragrafo, specificandone e dettagliandone i contenuti con le informazioni non note in fase progettuale (es.: personale, mezzi, logistica di cantiere, ecc.).

Analogamente alla Relazione di cui al punto precedente, nella modulistica è proposta una traccia di DSS sottoforma di schede: tali schede, compilate e corredate degli opportuni allegati, possono sostituire la redazione ed anche l'invio cartaceo del Documento di Sicurezza e Salute.


Rilascio Attestati per l'uso di esplosivi ed approvazione Ordini di Servizio

La licenza per il trasporto e il deposito di esplosivi di cui agli artt. 46 e 47 del R.D. n. 773/1931 (c.d. Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - TULPS) è accordata dalla Questura su esibizione di una attestazione, rilasciata dalla Provincia, comprovante l'avvenuto adempimento della Denuncia di Esercizio.

A seguito di intese con la Questura di Torino, al fine di semplificare i procedimenti amministrativi, è stato concordato il rilascio delle attestazioni in forma di lettera scritta, indirizzata all'esercente l'attività estrattiva, che lo stesso consegna alla Questura insieme al provvedimento di autorizzazione comunale alla coltivazione della cava.

L'istruttoria per il rilascio dell'attestato prevede, ai sensi dell'art. 305 del D.P.R. n. 128/1959 "Norme di Polizia delle Miniere e delle Cave", l'approvazione dell'Ordine di Servizio contenente le norme relative all'uso degli esplosivi nei lavori minerari e le modalità con le quali sono condotte le singole operazioni.

Nella modulistica sono presenti e scaricabili i modelli per l'inoltro dell'istanza di rilascio dell'attestato per l'uso di esplosivi, nonché per la redazione della Denuncia di Esercizio e dell'Ordine di Servizio.

 

Contatti:

Area Sviluppo Sostenibile e Pianificazione Ambientale - Servizio Tutela e Valutazioni Ambientali
Ufficio "Prevenzione del Rischio nelle Attività Industriali ed Estrattive"
Dirigente del Servizio: Paola Molina
Responsabile Ufficio: Sergio Prato
Tel. 011 8616864 - Fax 011 8614279
E-mail: sergio.prato@provincia.torino.it

Ultimo aggiornamento: 21/05/2015

 



Utilità