AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

OggInProvincia: i nostri comunicati

Sei in: Home > MAP - Comunicati > A PALAZZO CISTERNA SI PRESENTA IL LIBRO “LA ZONA GRIGIA” SULLE COMPLICITA’ MISTERIOSE DI CUI GODETTERO LE BRIGATE ROSSE

09 Dicembre 2014 12:55
CULTURA
A PALAZZO CISTERNA SI PRESENTA IL LIBRO “LA ZONA GRIGIA” SULLE COMPLICITA’ MISTERIOSE DI CUI GODETTERO LE BRIGATE ROSSE

Giovedì 11 dicembre alle 18 nella Sala Consiglieri di Palazzo Dal Pozzo della Cisterna (sede della Provincia di Torino, in via Maria Vittoria, 12), verrà presentato il libro di Massimiliano Griner “La Zona Grigia”, edito da Chiarelettere. Interverranno, oltre all'autore, Massimo Coco (figlio del Procuratore generale di Genova ucciso dalle Brigate Rosse l’8 giugno 1976), Dante Notaristefano (Presidente dell'Associazione Vittime del Terrorismo), l’avvocato Alessandro Melano, lo storico e Presidente del Centro Pannunzio, Pier Franco Quaglieni. Modererà l’incontro il giornalista Luciano Borghesan, Vice-Presidente del Circolo della Stampa di Torino.

Quella delle Brigate Rosse e dei lutti che provocarono è una storia mai del tutto chiarita, i cui protagonisti sono in parte ancora presenti sul palcoscenico della politica e della società. Migliaia di persone (non meno di 10.000 i fiancheggiatori delle BR secondo un rapporto del PCI), tra simpatie, silenzi, complicità indirette o scoperte, resero possibile una guerra che ha lasciato troppi morti e feriti e che ha infangato il sogno di giustizia di tanti giovani impegnati allora a difendere la democrazia dall'eversione fascista. Da sole le BR non ce l'avrebbero fatta a mettere in ginocchio un Paese intero. In questo libro si vuole ricostruire il percorso di chi, tra le file della borghesia e anche della classe operaia, ha aderito, simpatizzato o accettato di coprire e giustificare il fenomeno terroristico. Negli uffici, in fabbrica, nelle aule universitarie, nei giornali molti simpatizzavano con chi aveva scelto la linea di opposizione violenta allo Stato. Talvolta è mancata una franca assunzione di responsabilità ed è prevalsa la voglia di chiudere con il passato, cancellandolo. Per paura, per vergogna, per calcolo di potere.