Centro Informazione Disabilita'

26 Giugno, 2017

LOGO CITTAMETROPOLITANA TORINO

Link e logo di BorgialloLink e logo Comune di CarmagnolaLink e logo Comune di Ciriè
Link e logo Comune di Moncalieri
Link e logo Comune di NichelinoLink e logo Comune di PineroloLink e logo Comune di Vinovo

Banner d'accesso al database

Glossario

termine comincia con:

ART.5 LEGGE 381/91

Art.5.
Convenzioni.
1. Gli enti pubblici, compresi quelli economici, e le società di capitali a partecipazione pubblica, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, possono stipulare convenzioni con le cooperative che svolgono le attività di cui all'articolo 1, comma 1, lettera b), ovvero con analoghi organismi aventi sede negli altri Stati membri della Comunità europea, per la fornitura di beni e servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi il cui importo stimato al netto dell'IVA sia inferiore agli importi stabiliti dalle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, purché tali convenzioni siano finalizzate a creare opportunità di lavoro per le persone svantaggiate di cui all'articolo 4, comma 1.
2. Per la stipula delle convenzioni di cui al comma 1 le cooperative sociali debbono risultare iscritte all'albo regionale di cui all'articolo 9, comma 1. Gli analoghi organismi aventi sede negli altri Stati membri della Comunità europea debbono essere in possesso di requisiti equivalenti a quelli richiesti per l'iscrizione a tale albo e risultare iscritti nelle liste regionali di cui al comma 3, ovvero dare dimostrazione con idonea documentazione del possesso dei requisiti stessi.
3. Le regioni rendono noti annualmente, attraverso la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee, i requisiti e le condizioni richiesti per la stipula delle convenzioni ai sensi del comma 1, nonché le liste regionali degli organismi che ne abbiano dimostrato il possesso alle competenti autorità regionali.
4. Per le forniture di beni o servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi, il cui importo stimato al netto dell'IVA sia pari o superiore agli importi stabiliti dalle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, gli enti pubblici compresi quelli economici, nonché le società di capitali a partecipazione pubblica, nei bandi di gara di appalto e nei capitolati d'onere possono inserire, fra le condizioni di esecuzione, l'obbligo di eseguire il contratto con l'impiego delle persone svantaggiate di cui all'articolo 4, comma 1, e con l'adozione di specifici programmi di recupero e inserimento lavorativo. La verifica della capacità di adempiere agli obblighi suddetti, da condursi in base alla presente legge, non può intervenire nel corso delle procedure di gara e comunque prima dell'aggiudicazione dell'appalto. (1)
 

(1) Così sostituito dall'art. 20, L. 6 febbraio 1996, n. 52

CENTRO PER L’IMPIEGO

Struttura promossa e gestita dalla provincia  punto di riferimento sul territorio per lavoratori ed aziende, diretti a contrastare il problema della disoccupazione facilitando l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro. Tale struttura contiene il servizio specialistico di collocamento obbligatorio per la promozione dell'inserimento lavorativo dei disabili mediante impieghi compatibili con le condizioni di salute e le capacità lavorative, fornendo sostegno alle imprese nell’ottemperare agli obblighi della legge 68/99,provvedendo alla segnalazione di incentivi ed alla realizzazione di convenzioni.

CLAUSOLA SOCIALE

Sono condizioni apposte dalla Pubbliche Amministrazione  nelle vesti di stazione appaltante che, oltre agli elementi economici,  ne inserisce altri di carattere sociale per la partecipazione e l’aggiudicazione del bando di gara per l’affidamento di un bene o un servizio. “Tali elementi devono, però, rispettare i criteri delineati nel paragrafo 4.2 ed in particolare devono, per rispettare appieno i dettami di legge, essere collegati all’oggetto dell’appalto secondo quanto previsto nelle specifiche tecniche, ovvero nel progetto di servizio/fornitura; consentire di effettuare una valutazione degli offerenti sulla base dei relativi criteri economici e qualitativi, considerati nell’insieme allo scopo di individuare le offerte che presentano il miglior rapporto qualità/prezzo. Ciò significa che non è necessario che ogni singolo criterio di aggiudicazione fornisca un vantaggio economico all’amministrazione aggiudicatrice, ma che, considerati nell’insieme, i criteri di valutazione (cioè i criteri economici e sociali/ambientali) devono consentire alla stazione appaltante di identificare l’offerta che offre il miglior rapporto qualità/prezzo “ (virgolettato tratto dalla Determinazione n. 7 del 24 novembre 2011 dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici -Linee guida per l’applicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa nell’ambito dei contratti di servizi e forniture-).

COMMITTENTE

Attività che ha l’obiettivo di fare una valutazione interdisciplinare del caso con lo scopo di fornire tutte le indicazioni alla cooperativa che deve redigere il progetto individuale , viene svolta da cooperativa con cpi e dsm si compone delle seguenti fasI:

  • anamnesi
  • definizione delle caratteristiche cliniche
  • ricognizione delle competenze personali e  professionali
  • analisi potenziali postazioni lavorative

COOPERATIVA SOCIALE DI TPO B

Cooperative sociali che hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso lo svolgimento di attività diverse - agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate (L. 381/91 art 1 comma 1).
Le persone svantaggiate devono costituire almeno il trenta per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, essere socie della cooperativa stessa (L. 381/91 art  4, comma 2).

Totale termini  27  visibles in  6  pagine

INDICE GLOSSARIO

art.5  legge 381/91, centro per l’impiego - clausola sociale - committente - cooperativa sociale di tipo b - dipartimento di salute mentale - disabile - disabili per cui sono previsti servizi di sostegno e di collocamento mirato (l.68/99) - ente/servizio inviante - inserimento lavorativo - istruttore / responsabile di squadra/tutor - laboratorio protetto - lavoratore disabile - lavoratore molto svantaggiato - lavoratore svantaggiato - percorso di lavoro protetto - persona  svantaggiata - posto di lavoro protetto - pre-progettazione - progetto individuale/personalizzato - progetto sociale - responsabile inserimenti lavorativi - servizi territoriali - servizi tossicodipendenze - servizio sociale territoriale - squadra - ufficio esecuzioni penali esterne
Vai al Glossario

NEWS E CALENDARIO

Precedente Successiva

L-I.D.L. UNA L-IVREA DA LAVORO

L-I.D.L. UNA L-IVREA DA LAVORO

Per un confronto sull’uso strategico degli appalti pubblici con la clausola sociale di inserimento lavorativo, la Città di Ivrea ha il piacere di... LEGGI TUTTO

Appuntamenti 23 maggio - 5 luglio

Appuntamenti 23 maggio - 5 luglio

Incontri di consulenza individuale ai comuni partner all'interno del percorso di diffusione fra gli EE.LL. della conoscenza delle opportunità offerte dall’uso della Clausola... LEGGI TUTTO

Uso strategico degli appalti pubblici

Uso strategico degli appalti pubblici

Come il potere di acquisto per beni e servizi può produrre inclusione, occupazione e migliori condizioni sociali.   COMUNE DI PINEROLO, Presso Museo del Gusto... LEGGI TUTTO

In rete per l'integrazione lavorativa

In rete per l'integrazione lavorativa

Progetto "In rete per l'integrazione lavorativa" - Finanziato nell'ambito del Bando Az. 3.2, POR FSE 2007-2013 - Sovvenzione Globale - Asse III -... LEGGI TUTTO

Link e logo al sito della Regione Piemonte

banner1Logo UEStemma della Repubblica Italiana