AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Cultura

Biblioteca storica


Sei in: Home > Cultura > Biblioteca storica > Fondi archivistici > Fondo Baruffi


Fondo Baruffi

Circa 650 lettere indirizzate a Giuseppe Baruffi da personalità del mondo politico, letterario e soprattutto scientifico costituiscono un piccolo ma interessante fondo cronologicamente situato nei decenni centrali del XIX secolo.

Giuseppe Francesco Baruffi (1801-1875) nacque a Mondovì, figlio del notaio Pietro e di Margherita Gastone, cugina di quel Michele Gastone che fu uno dei capi delle società segrete in Piemonte durante la Restaurazione. Appassionato culture di scienze naturali, svolse principalmente un'attività di divulgazione scientifica e modernizzazione in campo sociale ed economico, promuovendo battaglie contro istituzioni antiquate come le pratiche di quarantena nei porti e le complicate leggi doganali in vigore in Europa. Fu uno dei sostenitori del taglio dell'istmo di Suez e come membro dell'Accademia e dell'Associazione agraria di Torino promosse l'ammodernamento del sistema agricolo. Insieme ad alcuni condiscepoli iniziò dagli anni giovanili a raccogliere e classificare esemplari della flora locale; le schede frutto di questo lavoro furono poi utilizzate dal Colla per il suo monumentale Erbarium Pedementanum.

Fra le opere che Baruffi pubblicò ricordiamo le Pellegrinazioni autunnali (edite fra il 1840 e il 1842), alcuni diari di viaggio (fu in Germania, Danimarca, Ungheria, Francia, Russia, Grecia, Turchia ed Egitto) e le Passeggiate nei dintorni di Torino (quindici opuscoli usciti fra il 1853 e il 1861).
Nel fondo sono presenti anche diverse minute di lettere del Baruffi e appunti per i saggi dati alle stampe.

Scendendo nel dettaglio, e considerando la distinzione spesso impossibile dei corrispondenti fra letterati, politici e scienziati, vista l'inestricabile commistione dei ruoli, notiamo la presenza dei due fratelli D'Azeglio (Massimo e Roberto), di Vittorio Bersezio, Angelo Brofferio, Cesare Balbo e Cesare Cantù, Vincenzo Gioberti, Silvio Pellico, Federigo Sclopis, il poeta e scrittore politico francese Alphonse de Lamartine. Interessanti e curiose le lettere, abbastanza numerose, che toccano la questione Canale di Suez, indirizzate al Baruffi da Jules Barthélemy-Saint-Hilaire (1805-1895), filosofo, giornalista e politico francese che nel 1855 divenne membro della commissione internazionale incaricata di studiare il progetto per il taglio dell'istmo di Suez. E ancora sullo stesso tema, le lettere ricevute da Clot-Bey, ovvero Antoine Barthélémy Clot (1793-1868), medico francese vissuto lunghi anni in Egitto.
Fra gli scienziati, citiamo Matteo Bonafous (con 30 lettere), il botanico Luigi Colla, Carlo Luciano Bonaparte, biologo, figlio del fratello di Napoleone, e il matematico astronomo e geodeta Giovanni Plana, di cui possiamo leggere una "Nota sulla fulgentissima cometa veduta da Torino la notte del 30 giugno 1861".


torna su^

 

Ultimo aggiornamento: 17/07/2013