AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Cultura

Richiesta contributi


Sei in: Home > Cultura > Richiesta contributi > Contributi per attività culturali


CONTRIBUTI PER ATTIVITÀ CULTURALI

LR n. 58/1978, art. 6 - Promozione della tutela e dello sviluppo delle attività e dei beni culturali.

Modulistica

Destinatari

Pubbliche amministrazioni insistenti sul territorio della Provincia di Torino, organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS, ai sensi delle disposizioni di cui al DLgs n. 460/97), enti di tipo associativo non commerciale, e comunque organismi non aventi fini di lucro operanti in ambito provinciale possono presentare domande di contributo per la realizzazione di iniziative culturali di rilievo locale, intercomunale o provinciale.
Di norma singole persone fisiche e soggetti aventi scopo di lucro non rientrano tra gli aventi diritto, fatti salvi i casi per i quali e' possibile verificare che il vantaggio attribuito venga effettivamente destinato alla soddisfazione di un interesse non individuale.

Torna su^

Ambiti di intervento

Le domande di contributo possono riguardare le seguenti tipologie di iniziative da realizzarsi in ambito provinciale:

  • attività espositive e arti visive
  • attività musicali, teatrali, di danza, cinematografiche
  • rassegne e festival
  • convegni ed iniziative di ricerca, studio e documentazione
  • ogni altra iniziativa culturale che non ricada nella disciplina di normative specifiche diverse dall'art.6 della LR 58/78

Torna su^

Documenti necessari

Le domande di contributo, firmate dal legale rappresentante dell'ente o dell'associazione, devono contenere:

  • il programma dettagliato delle attività per cui si richiede il finanziamento o il servizio;
  • il bilancio preventivo articolato nelle voci di spesa e di entrata;
  • copia dello statuto, se non prodotto in precedenti occasioni, che preveda, tra le finalità, la promozione di attività culturali;
  • per le associazioni, dichiarazione rilasciata ai sensi del D.L. N. 78/2010 (convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122);
  • documentazione relativa alle attività precedentemente svolte

Questi sono da intendersi come requisiti minimi indispensabili per la proposta in prima istanza.

Torna su^

Patrocinio

La richiesta di concessione del patrocinio gratuito deve essere indirizzata, con allegato il progetto e le motivazioni, preferibilmente via e-mail ai seguenti indirizzi: presidenza@provincia.torino.it e/o patrocini@provincia.torino.it, oppure per posta ordinaria:
Presidenza della Provincia di Torino - Via Maria Vittoria, 12, 10123 Torino - fax. 011/8612186.

Torna su^

Termini di presentazione

I promotori potranno inviare le richieste di contributo entro il 15 marzo o il 15 ottobre di ogni anno.

Torna su^

Recapiti

Le richieste di contributo potranno essere inviate via mail, fax, o posta a:
e-mail: cultura@provincia.torino.it
fax.+39 011 861.4297
Provincia di Torino
Servizio Programmazione e Gestione Beni e Attivitá Culturali
Corso Inghilterra 7 - 10138 - Torino

La marca da bollo non andrà apposta in prima istanza ma soltanto a formalizzazione della domanda, quando l'Amministrazione abbia comunicato l'intenzione effettiva di sostenere l'iniziativa oggetto della richiesta di contributo.

Torna su^

Cause di inammissibilità
  1. Mancanza dei requisiti previsti per gli aventi diritto
  2. Mancato rispetto dei termini di presentazione
  3. Mancato rispetto dei requisiti minimi indispensabili per la proposta in prima istanza
  4. L'iniziativa presentata attiene l'ambito di leggi regionali specifiche, diverse dalla L.R. n. 58/78, di competenza della Provincia di Torino
  5. Mancata documentazione e rendicontazione dell'eventuale contributo assegnato al soggetto proponente due anni prima
  6. La domanda di contributo riguarda le sole spese di gestione generali del soggetto proponente non riferibili specificamente all'iniziativa presentata
  7. La domanda di contributo riguarda un cumulo di attività distinte non legate fra loro da un vincolo progettuale
  8. L'iniziativa presentata, pur attenendo a competenze proprie della Provincia di Torino, non presenta un prevalente carattere culturale
  9. Sono inoltre esclusi dal contributo per un periodo pari a tre anni quei soggetti che, in qualunque fase del procedimento, abbiano reso dichiarazioni o presentato documentazioni non veritiere

Torna su^

Criteri generali di valutazione

Il soggetto proponente:

  • è in grado di documentare la realizzazione di iniziative culturali sul territorio provinciale in modo continuativo da almeno 3 anni
  • ha concluso positivamente e regolarmente rendicontato eventuali progetti pregressi realizzati con il contributo della Provincia di Torino
  • mostra di disporre di organizzazione, strutture e attrezzature adeguate rispetto al progetto proposto
  • non ha ricevuto di contributo nel corso dell'anno precedente
  • mostra di essere in grado di assumere idonee iniziative di informazione e comunicazione che evidenzino anche il ruolo della Provincia di Torino nella realizzazione del progetto
  • è in grado di garantire la propria partecipazione finanziaria al progetto
  • non ha ricevuto altri contributi provinciali in corso d'anno
  • ha sede nel territorio provinciale

Il progetto presentato

  • ha valenza sovralocale, intesa come interessamento di un ambito territoriale e di un bacino di utenza quanto più ampio possibile, non solo metropolitano o limitato al territorio di un solo Comune. Qualora non sia originariamente prevista una circuitazione dell'iniziativa sul territorio provinciale, disponibilità del soggetto proponente ad attivarla se ciò sia ritenuto opportuno dall'Amministrazione provinciale
  • contiene elementi di spiccata originalità
  • prevede il coinvolgimento di soggetti disagiati (disabili, minori a rischio, anziani, immigrati, disoccupati,...)
  • ha come obiettivo la valorizzazione del patrimonio culturale locale
  • ha come obiettivo la valorizzazione di ambiti culturali in pericolo, intendendo per tali sia luoghi sia aspetti culturali che il tempo, l'oblio o l'incuria hanno reso di particolare fragilità e bisognosi di attenzione e di intervento
  • prevede il coinvolgimento di soggetti operanti in ambito culturale in altri paesi dell'Unione Europea
  • presenta contenuti innovativi e favorisce la creatività e professionalità giovanile
  • presenta caratteri di continuità e di approfondimento rispetto ad esperienze precedentemente sostenute dalla Provincia di Torino
  • si avvale della partecipazione o collaborazione di altri enti pubblici e/o privati

Torna su^

Definizione dell'istanza di contributo

Al termine dell'istruttoria la domanda di contributo presentata puo' risultare:

  • inammissibile, se si e' riscontrata una qualsiasi causa di inammissibilità fra quelle elencate;
  • non accoglibile, se non soddisfa almeno il 50% degli aspetti considerati prioritari o se il bilancio preventivo presenta un tale disavanzo da rendere palesemente insostenibile l'iniziativa dal punto di vista finanziario o se il suo costo non ha trovato copertura nelle risorse disponibili dell'Ente;
  • accoglibile, se soddisfa almeno il 50% degli aspetti considerati prioritari, se l'iniziativa presentata appare sostenibile dal punto di vista finanziario e se il suo costo ha trovato copertura nelle risorse disponibili dell'Ente.

Del responso di inammissibilità o non accoglimento è data comunicazione scritta al proponente.
Nel caso di incompetenza viene data contestualmente indicazione della trasmissione ad altro Ente o Servizio.
Nel caso di accoglimento, la domanda originaria deve essere regolarizzata in bollo da Euro 14,62 , ai sensi del DPR 642/72, con esclusione degli enti pubblici, dei soggetti esenti per legge e di quelli cui la Provincia partecipa in quanto socio o componente ai sensi di legge, regolamento o rispettivi statuti. I soggetti aventi natura giuridica di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) devono fornire idonea documentazione in ordine ai requisiti di cui al D. Lgs. n. 460/97. In particolare tali soggetti sono tenuti, così come prevede l'art. 10, comma 1, lettera i) del citato decreto legislativo, all'uso, nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, della locuzione "organizzazione non lucrativa di utilità sociale" o dell'acronimo "ONLUS".

L'entità del contributo e' stabilita percentualmente rispetto al bilancio preventivo e determinata discrezionalmente dalla Giunta Provinciale, sulla base delle risorse concretamente disponibili.

Torna su^

Rendicontazione

I soggetti beneficiari sono tenuti a presentare una relazione documentata sull'attività svolta ammessa al contributo.

Termini di presentazione della rendicontazione

Entro un anno dalla comunicazione della Provincia di Torino, pena la revoca del contributo senza ulteriori comunicazioni.

Contenuto della rendicontazione

Enti pubblici

  • relazione dell'iniziativa, che documenti i risultati ottenuti in termini di efficacia ed efficienza dell'intervento;
  • bilancio consuntivo dell'iniziativa articolato nelle voci di entrata e di spesa e sottoscritto dal responsabile di Ragioneria e dal Segretario;
  • dichiarazione rilasciata in relazione all'art. 6 c. 8 del D.L. N. 78/2010 (convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122);

Ogni altro beneficiario

  • relazione dell'iniziativa, che documenti i risultati ottenuti in termini di efficacia ed efficienza dell'intervento;
  • bilancio consuntivo analitico dell'iniziativa articolato nelle voci di entrata e di spesa e sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto beneficiario.
  • documenti di spesa in originale, conformi alle norme che li disciplinano, per un importo complessivo non inferiore all'entità del contributo da erogare.
  • Tali documenti vengono restituiti al beneficiario previa verifica di regolarità e apposizione di timbro di ammissione a contributo
  • dichiarazione rilasciata in relazione all'art. 6 c. 2 del D.L. N. 78/2010 (convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122);

Soggetti dotati di organo di revisione

  • relazione dell'iniziativa, che documenti i risultati ottenuti in termini di efficienza e di efficacia dell'intervento;
  • bilancio consuntivo analitico dell'iniziativa articolato nelle voci di entrata e di spesa, sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto beneficiario ed accompagnato da attestazione dell'organo di revisione che accerti la regolare tenuta della contabilità e la corrispondenza del bilancio consuntivo alle risultanze dei libri e delle scritture contabili del soggetto beneficiario.
  • dichiarazione rilasciata in relazione all'art. 6 c. 2 del D.L. N. 78/2010 (convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122);

Torna su^

Liquidazione

Il dirigente del Servizio Programmazione Attività e Beni Culturali, riscontrata l'idoneità della rendicontazione presentata, provvede con propria determinazione alla liquidazione del contributo.
La percentuale di ogni contributo, calcolata sulla base delle uscite indicate nel bilancio preventivo, sarà rispettata in sede di liquidazione delle spettanze fino a concorrenza del contributo assegnato.
Qualora il totale delle uscite rendicontate risulti inferiore a quanto preventivato, il contributo sarà decurtato proporzionalmente.
Qualora la differenza tra spese ed entrate evidenzi un avanzo al lordo del contributo provinciale concesso, questo verrà liquidato con decurtazione della somma eccedente.
La liquidazione avviene di norma in unica soluzione a conclusione dell'iniziativa oggetto del contributo, salvo i casi espressamente previsti dal Regolamento dei contributi.

Torna su^

 

Ultimo aggiornamento: 25/06/2014