MAURA BANFO
FRANCESCO BAROCCO
BIANCO-VALENTE
BOTTO E BRUNO
MARCO DE LUCA
FLAVIO FAVELLI
PAOLO GRASSINO
ARMIN LINKE / STALKER
MARZIA MIGLIORA
MOCELLIN / PELLEGRINI
PANTANI-SURACE
PAOLO PARISI
PERINO & VELE
ALFREDO PIRRI
PAOLO PISCITELLI
SARA ROSSI
Biografia
Profilo
Altre opere
MOSTRA COLLETTIVA
  Sara Rossi


Sara Rossi, Senza titolo (le cocu...), 2003, stampa digitale,
cm 70x70 (dittico) | Mostra collettiva


Sara Rossi, Pollicino, 2003, talco, dimensioni variabili | Ecomuseo "Le loze di Rorà" -
Museo Valdese - Rorà

Il piccolo Museo di Rorà rendiconta del trascorso della Comunità Valdese in questo piccolo borgo mostrandone i tratti comuni con gli altri paesi e quelli distintivi, legati all'estrazione della pietra, e si estende sino alla cava dismessa, ma anche all'ambiente turbato dai colpi delle esplosioni. Elemento fondante della Cultura Valdese è l'istruzione, con il circuito di scuole che sin da fine ottocento garantiva l'insegnamento a tutta la popolazione in queste valli appartate e che giustifica la museificazione dell'aula. In questo luogo il mondo immaginifico di Sara è palpabile e se diventa figura nelle fotografie esposte alla mostra collettiva qui rende operosa l'artista che si misura con l'atto scultureo, col "cavar" materia (tenere desta la concentrazione, sentire la materia, cogliere la vena, per ridurre il rischio che mette a repentaglio il lavoro, la vita), lavorando il talco delle miniere di Prali (sottolineando un destino comune delle popolazioni di queste vallate) per realizzare i solidi che vengono utilizzati per l'insegnamento della geometria. La materia oleosa e cangiante del talco, il cambiamento di stato degli oggetti, le loro stereometrie - il cubo, la sfera, il cilindro - rimandano alle favole, dimensione evocata nel video che ripercorre nel disegno cinetico proiettato sulla lavagna l'evoluzione di Pollicino.