progetto Cultura Materiale


Sommario:



Ecomusei - memorie di acqua e di terra

Ecomuseo della Resistenza
del Colle del Lys

Piazzale Colle del Lys – Viù

L’Ecomuseo della Resistenza del Colle del Lys, situato sullo spartiacque tra le valli di Lanzo e la valle di Susa, offre scorci paesaggistici di notevole suggestione, dai quali si può percepire la vastità del territorio museale, da circa tre anni ritornata a vivere attraverso sentieri riscoperti.
Tali percorsi, pregni di ricordi e testimonianze della storia passata, collegano le due valli e offrono ai turisti la possibilità di unire interessi ambientalistici e storico-culturali. Le passeggiate possibili sono numerosissime e molto diversificate tra loro: da brevi percorsi di poche ore a percorsi di trekking più articolati e impegnativi, le scelte possono diventare molteplici.
Il centro ecomuseale, oltre ad ospitare una mostra permanente sulla storia locale della Resistenza, fornisce anche diversi supporti multimediali che facilitano la fruizione dell’ecomuseo e la comprensione della storia (cd-rom, filmati girati insieme ai testimoni della Resistenza, mostre itineranti e libretti esplicativi dei percorsi).
L’offerta dell’Ecomuseo comprende anche una vasta gamma di “Sentieri della Memoria”. I due percorsi di più recente rivalutazione sono:

Frazione Toglie – Colle del Lys

L’itinerario congiunge la frazione di Toglie (valle di Viù) al Colle del Lys ed ha un tempo di percorrenza di 2h45 a piedi. La località di Toglie è storicamente importante perché nell’estate del 1944 è stata “zona libera”, sperimentando forme di governo democratico

Colle del Lys – Madonna della Bassa – Colle del Lys

Un itinerario ad anello che permette di raggiungere facilmente il santuario della Madonna della Bassa (valle di Susa) in 3h di cammino. Dal piazzale del Colle del Lys si imbocca il sentiero che scende a mezzacosta sul ripido versante che guarda verso Mompellato. Attraversato un ampio prato si entra nel bosco, scendendo con alcuni tornanti fino alla provinciale, che si attraversa per entrare nuovamente nel bosco. Seguendo un sentiero più evidente si continua a scendere in direzione sud-est, quindi il sentiero si immette sulla strada carrozzabile proveniente da Mompellato nei pressi del Pilone delle Lance, seguendo la strada verso sinistra si raggiunge il Santuario di Madonna della Bassa. Dal piazzale retrostante il Santuario, il sentiero prosegue in salita e raggiunge il monte Arpone (1603 m) e scende poi al Colle del Lys.
Sia il colle del Lys che il santuario della Madonna della Bassa furono sede di quartier generali partigiani, mentre il monte Arpone, pieno di rifugi naturali, fu utilizzato dai partigiani per ripararsi dalle intemperie e per conservare cibo e munizioni. Il colle della Portia fece da scenario alla feroce battaglia del 20 aprile 1945. Questi percorsi offrono stupende panoramiche della bassa valle.

I partigiani, testimoni diretti dei fatti, offrono gratuitamente il loro tempo, facendo da guida e illustrando gli aspetti storici e ambientali più interessanti dei luoghi visitati, permettendo così di arricchire l’esperienza di fruizione di questi luoghi.

approfondimenti

Estratto “38|45 una guida per la memoria”
Certificazione Herity

sede

Piazzale del Colle del Lys
10070 Viù (TO)

referente

Comitato Resistenza Colle del Lys
via Capra 27 - 10098 Rivoli (TO)
tel. 011.9532286
fax 011.9510553
info@colledellys.191.it
www.colledellys.it

apertura

(fine aprile – metà ottobre)
Giorni festivi: 10.00-18.00
Giorni feriali: su prenotazione per scolaresche e/o gruppi

ingresso gratuito

non accessibile disabili

English version

Bersaglio Herity [apre scheda PDF]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]
Immagine dell'ecomuseo [apre nuova finestra]


CREDITI SITO