progetto Cultura Materiale


Sommario:



Musei - etnografici

Casa del Conte Verde

Rivoli

Tra il XIV e il XV secolo, durante il dominio dei conti sabaudi, Rivoli visse un periodo di grande fortuna che vide prosperità economica, sviluppo del commercio e degli scambi con l'estero e una notevole fioritura artistica.
Tra le testimonianze ancora presenti, la Casa del Conte Verde si segnala per il suo significato di simbolo e di memoria, quale rara testimonianza di un momento importante per la storia della città. Anche se non è dimostrato che Amedeo VI di Savoia, il Conte Verde, abbia avuto un legame reale con l'edificio a lui intitolato, le sue caratteristiche rivelano una committenza illustre e una qualità architettonica che testimonia il concorso di artisti di alto livello.

Situata nella parte più antica del centro storico di Rivoli, la casa si affaccia sul tratto più stretto della via Piol, che conserva ancora le proporzioni della vecchia strada maestra, l'arteria principale e più animata del borgo. La facciata si innalza su tre livelli, sottolineati da due cornici orizzontali che si estendono lungo l'intero prospetto. Al piano terra compare un portico composto da quattro archi a pieno sesto, sostenuti da pilastri coronati da capitelli in cotto, purtroppo in gran parte mutilati. Il piano nobile è caratterizzato dalla presenza di quattro aperture: le due grandi finestre centrali, archiacute, erano affiancate da due finestre quadrate di dimensioni minori trasformate in porte e dotate di balconi in epoca imprecisata.
La peculiarità dell'edificio risiede principalmente nella generosa applicazione delle decorazioni in cotto, le cui diverse figurazioni danno conto di un'inventiva di rara versatilità e di una manualità esecutiva altrettanto notevole.

Le tracce di decorazione dipinta venute alla luce anche sui pilastri del loggiato superiore, ci aiutano a immaginare la fastosità e la voluta festosità di questa residenza, che doveva distinguersi come un gioiello prezioso nella più severa cortina degli altri edifici dell'insediamento medioevale.
Nonostante le ingiurie e le trasformazioni subite nel tempo, la casa ha conservato molti elementi dell'antica residenza nobiliare. L'intervento di restauro ha ripristinato la spazialità delle sale interne, coperte da soffitti in legno a cassettone, e anche il loggiato aperto a sud verso la via Conte Verde è stato rimesso in luce.

sede

via Fratelli Piol 8
10098 Rivoli (TO)
tel. fax 011.9563020

referente

Comune di Rivoli, Ufficio Cultura
tel. 011.9511680
tel. 011.681/686
fax 011.9511699
cultura@comune.rivoli.to.it

apertura

Da martedì a domenica
15.30 - 19.30
sabato e domenica
10.00 – 13.00

ingresso gratuito

accessibile ai disabili

Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]
Immagine del museo [apre nuova finestra]


CREDITI