AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

Tutte le pagine, i canali, le informazioni valide e aggiornate per la continuit├á della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili solo ed esclusivamente nel portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Storia e storie - 2005 > 06/06/05 - I giovani e la storia


a cura di Emma Dovano

06/06/05 - I GIOVANI E LA STORIA

Il senso del tempo

Capire il rapporto tra gli studenti e la storia, come materia scolastica e come "scienza degli uomini nel tempo", in grado di fornire spunti sulle proprie radici e di sviluppare uno spirito critico sui temi di attualità.
Capire cosa rappresenta la storia per gli studenti, quali aspettative essa genera in loro e come possono i professori intervenire per rivitalizzarne l'insegnamento.
Questi i filoni principali su cui si snoda il libro "Il Senso del Tempo", che raccoglie i risultati di un'indagine di quattro anni, svolta sui giovani e la storia nel nuovo millennio, frutto della collaborazione di un gruppo di docenti di varie scuole superiori di Torino e provincia (coordinati dall' ITC- Liceo economico Q.Sella), e coadiuvati da Riccardo Marchis dell' Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea e dalla sociologa Roberta Santi.
Tre gli ambiti su cui si è incentrata l'indagine:la trasmissione della memoria come processo intergenerazionale, le rappresentazioni che ne derivano nella percezione degli studenti; il presente come storia nel vissuto e nell'attualità; il rapporto con la storia come materia scolastica sia nell'apprendimento sia nel gradimento come oggetto di studio.
Una storia che ai ragazzi piace, non come fredda lista di date ed eventi, ma come racconto sentito e vissuto, come esperienza umana incastrata nel tempo e nello spazio; una conoscenza della storia che ancora in parte si radica sull'oralità dei racconti, che ha una fedele compagna nei libri, ma che non disdegna il vortice delle immagini televisive, mentre sembra trascurare, per il momento internet e le nuove tecnologie.

(Daniele Vaira)

Progetto storia '900 - Polo Centro di Torino, Il Senso del Tempo - Indagine sui giovani e la storia al passaggio nel nuovo millennio, Torino, ITC-Liceo Economico Q.Sella, pagine 207

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE