AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

Tutte le pagine, i canali, le informazioni valide e aggiornate per la continuit├á della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili solo ed esclusivamente nel portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Storia e storie - 2005 > 23/09/05 - Raccontare la tradizione


a cura di Emma Dovano

23/09/05 - RACCONTARE LA TRADIZIONE

Raccontare la tradizione

Calvino, in "Fiabe Italiane", nel 1977 diceva che "le fiabe sono vere. Sono [...] una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata nel lento ruminìo delle coscienze contadine fino a noi; sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna".
L'uomo é un produttore creativo di cultura.
Le risposte al senso della sua esistenza sono date dal lavoro e dalla produzione di beni, e si estendono alle forme simboliche, ai rapporti interpersonali, al linguaggio, fino alle espressioni di gioco creative e anche devozionali.
La cosiddetta cultura materiale.
"Sogni e bisogni della civiltà contadina" vuole collocarsi nel filone narrativo della storia locale, frutto di un nuovo interesse per la ricerca antropologica sui "materiali" della cultura popolare e sulla loro diffusione.
E allora fiabe e riti magici, come spiega l'etnologo Marcel Mauss, atti e discorsi che si ripetono e che sono tramandati dai nonni, come le pratiche dei guaritori, appartengono alla collettività intera perché garantiscono simbolicamente la sua storia, e forniscono elementi di conoscenza del paesaggio rurale, della vita intima, dei mestieri scomparsi, delle cose legate alle stagioni e ai cicli produttivi, della ritualità della vita di tutti i giorni.
La memoria che ci viene tramandata con le fiabe e i riti medicali è, a suo modo, di carattere epico: l' epos collettivo si trasfigura nella simbologia di avventure sovrumane, nella cecità del destino, nella insondabile volontà del bene e del male, e diventa panacea contro le miserie di una vita legata alla natura e al soprannaturale, alla religione e anche alla superstizione.
L'autore, avvertendo il rischio di cedere nel folklore di maniera, filtra nel testo gli "studi dotti" in materia e raccoglie, con metodo e rigore, testimonianze del vissuto collettivo che rappresentano, per l'uomo del villaggio globale, il patrimonio delle sue radici.

(Francesca Marino)

Massimo Aliverti, Sogni e bisogni della civiltà contadina. Fiabe, feste, magie, medicine, Torino, Edizioni Ananke, 2001, pagine 128, € 12

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE