AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

Tutte le pagine, i canali, le informazioni valide e aggiornate per la continuit├á della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili solo ed esclusivamente nel portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Storia e storie - 2006 > 16/11/06 - Sala insegnanti


a cura di Emma Dovano

16/11/06 - SALA INSEGNANTI

Sala insegnanti

Quasi duecentocinquanta insegnanti intorno al tavolo della sala-professori per partecipare a un esercizio di scrittura collettiva.
Tema: La mia scuola. Traccia: "L'insegnante si qualifica per conoscere il mondo e per essere in grado di istruire altri in proposito, mentre è autorevole in quanto, di quel mondo, si assume la responsabilità.
Di fronte al fanciullo è una sorta di rappresentante di tutti i cittadini adulti della Terra, che indica i particolari dicendo: ecco il nostro mondo" (Hannah Arendt, Tra passato e futuro, 1991).
Lo svolgimento del tema è questo libro, molto interessante anche per chi insegnante non è.
Dopo aver imparato a leggere a scrivere e a far di conto, il ragazzo - bambino, allievo, studente- dovrà uscire dalla scuola superiore per l'università o per il lavoro con - dentro di sé - un concetto di cultura, e dovrà essere in grado di ritrovarla anche nel mondo.
Sarà capace dunque di scegliere criticamente, avrà competenza e consapevolezza dell'ambiente, della salute, degli altri; avrà ben presente anche la cultura della pace.
Sarà responsabile e avrà competenze sociali, conoscerà il valore della differenza, della tolleranza.
Sarà insomma padrone delle proprie conoscenze e delle proprie possibilità per tutta la vita oltre - nelle superiori - ad acquisire anche una preparazione di tipo professionale, pratico: il sapere con una dimensione operativa, eccetera, eccetera.
Naturalmente collaborando con la famiglia, cercando spazi ed esperienze col territorio e il paese, mediando con la tv e tenendo conto dell'universo mondo in cui il ragazzo ama vivere.
Questo il compito dei maestri e dei professori.
Il libro. Nella prima parte gli aspetti cosiddetti problematici e le possibili risposte degli insegnanti, e poi i rapporti con gli allievi, il 'fattore umano', vero ago della bilancia soddisfazione-insoddisfazione professionale; nella seconda parte sono riportati molti contributi integrali del mestiere di insegnare : un narrare vario, stili e approcci diversi molto molto interessanti.
Esercizio di scrittura collettiva riuscito, voto Ottimo.

(ed)

A cura di Domenico Chiesa e Cristina Trucco Zagrebelsky, La mia scuola. Chi insegna si racconta, Giulio Einaudi Editore, Torino, 2005, pagine 178, € 14,50

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE