AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Storia e storie - 2006 > 21/06/06 - Storie individuali e collettive


a cura di Emma Dovano

21/06/06 - STORIE INDIVIDUALI E COLLETTIVE

Storie individuali e collettive

Massimo Ottolenghi, avvocato torinese, classe 1915, militante del movimento "Giustizia e libertà", magistrato, tesse un intreccio del novecento, un'altra trama dopo il precedente Il pendolo, storia buia del primo dopoguerra.
Qui il disegno è nell' "infinito secolo breve appena trascorso", la grande storia delle cose eroiche e di quelle semplici. In un teatro della memoria, "un convegno di ricordi", gente conosciuta in novant'anni di esistenza.
Attori principali due anziani signori: chi nel libro racconta e la signora della villa; una storia d'amore non manifesta, profonda e non espressa.
Lo sfondo è una Torino anni Venti, con il mercato del grano in piazza Bodoni, la fiera dei bachi da seta a primavera a San Secondo, il commercio lungo i portici da Porta Nuova a Corso Re Umberto con la merce soppesata, gli accordi ottenuti con ammiccamenti, giochi di concessioni e promesse, contratti sottaciuti e proclamati accanto a carrette e birocci, con i cavalli che masticano nella saccoccia di biada legata al collo.
Il fascismo, il mondo ebraico, i fuggitivi legati ai ricordi, gli scienziati, gli amici a Torino appunto, e a Firenze, in un luogo che ricorda il "Giardino dei Finzi Contini".
Una specie di riscatto, questo libro, una restituzione alla memoria dei gesti, delle situazioni che non ci sono state ma che avrebbero dovuto, e della memoria, del meraviglioso serbatoio che elaboriamo e continuamente risistemiamo.
La memoria. Un deposito del nostro passato che ha lasciato un'impronta, i ricordi della cronaca e anche i ricordi dei sentimenti.
Viaggiarci attraverso, scoprire cose nuove perchè il filo non è scontato, scorre poi si interrompe, riprende fluido, ci avvolge, ci lega: la memoria come documento esistenziale a cui si va per ri-vivere e per parlarne, per scriverne, per far conoscere agli altri la Storia.

(ed)

Massimo Ottolenghi, Perle nere, Boves, Araba Fenice Editore, 2006, pagine 142, € 12

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE