AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

Tutte le pagine, i canali, le informazioni valide e aggiornate per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili solo ed esclusivamente nel portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Storia e storie - 2010 > 25/01/10 - Per la giornata della memoria


a cura di Emma Dovano

25/01/10 - PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA

L'albero di Anne che come tutti ricordiamo è il 27 gennaio, è uscito un interessante libro per ragazzini - dai nove anni in su, molto apprezzato anche da chi è molto più avanti - edito dalla casa editrice Orecchio Acerbo, più volte citata in questa rubrica.

Al numero 263 di Prinsengracht, alle spalle di uno dei tanti canali di Amsterdam, un ippocastano decide di raccontare la storia di una bambina di tredici anni che non scendeva mai in cortile a giocare, anzi, di quella bambina vedeva sovente solo il busto curvo su un tavolo: la bambina scriveva fitto fitto su un quaderno, ogni tanto alzava lo sguardo tra i suoi rami, guardava attentamente e indugiava sul colore bagnato e lucido delle foglie nelle giornate di pioggia e sull'esplosione verde e bianca in primavera, poi il suo sguardo cercava il colore del cielo. E poi ancora riprendeva a scrivere. La ragazzina era Anna Frank.

L'albero ricorda i fatti come si scrivono nei diari, con i nomi dei giorni. Il lunedì 6 luglio 1942 arriva Anne con la sua famiglia e alcuni amici. Nella sua cartella ha lasciato scivolare il diario ricevuto in regalo un mese prima, il giorno in cui compiva tredici anni, era il 12 giugno 1942, un venerdi.

"Mi ha forse notato sin dal primo giorno affacciandosi al lucernario della soffitta? (...) Io allora indossavo il mio fogliame estivo, fitto e animato da mille brusii..." ricorda. E quell'albero oltre il vetro, muto, spettatore e testimone della sua vita per due anni, ora si mostra nei tratti a matita dell'illustratore Maurizio Quarello con tutta la delicatezza della storia privata che ha visto. Fino alla tragedia del 4 agosto 1944, quando, intorno alle undici e mezzo arrivano dei poliziotti armati e si portano via tutti. Anne aveva scritto l'ultima pagina del diario tre giorni prima, un martedì.

Dicono che sotto la corteccia dell'ippocastano, insieme con i ricordi, si siano annidati tarli velenosi: il libro racconta del tarlo della sua memoria, una parte del suo diario di vita centenaria che Irène Cohen-Janca ha scritto magistralmente.

(ed)

Irène Cohen-Janca, Illustrazioni di Maurizio Quarello, L'albero di Anne, Orecchio Acerbo Edizioni, Roma, gennaio 2010, pagine 36, € 14 - www.orecchioacerbo.com

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE