AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Le recensioni


Sei in: Home > MAP > Le recensioni > Territorio - 2008 > 10/10/08 - Moncalieri accessibile


a cura di Emma Dovano

10/10/2008 - MONCALIERI ACCESSIBILE

Moncalieri. Guida alla città accessibile, È un manuale sull'agibilità delle strutture pubbliche, degli esercizi commerciali, del patrimonio artistico, religioso e culturale della città di Moncalieri, alle porte di Torino.
Molto preciso, indica anche la percorribilità pedonale: la larghezza e la posizione dei marciapiedi: se sono allo stesso livello della carreggiata, se ci sono pendenze, in quali tratti. Una meticolosità utilissima per chi ha problemi di mobilità e si muove in carrozzina, quella manuale o quella elettrica (le possibilità di movimento cambiano): chi ha degli impedimenti saprà come orientarsi, se percorrere quella strada o no, se visitare quella struttura o no.
Partendo ad esempio dalla parte alta della città, si sa di poter visitare parte del Castello Reale (il piano terreno) accedendovi dalla Caserma, poi scendendo verso il Po e arrivando in piazza Vittorio Emanuele II e percorrendola liberamente tutta visti gli scivoli e le rampe (e anche facendo acquisti: i negozi sono dotati di rampe amovibili), si può arrivare alla Chiesa di San Francesco e quindi - aiutati e annunciati - vedere il Real Collegio Carlo Alberto, il settecentesco Palazzo Alfieri di Sostegno dove c'è la collezione "dij subijet", i fischietti, simbolo delle tradizioni di Moncalieri.
Per l'esposizione - ci dice la Curatrice del libro - bisogna far ricorso a qualcuno: per arrivarci ci sono tre gradini.
Si arriva poi all'antica contrada del Mercato del Grano -attuale via San Martino- con una pendenza percorribile e i marciapiedi a livello del piano stradale, e lì si affacciano Palazzo Accorsi, Palazzo Cavoretto e due case-torri con decorazioni in cotto del Quattrocento piemontese. Si può deviare a destra alla "piazzetta del burro", piazza Umberto I, e poi arrivare al Borgo Navile.
Questo il primo giro, il percorso A, descritto nella guida.
Sono proposti in tutto quattro itinerari accessibili, preceduti da una mappa con evidenziati i luoghi da visitare con il numero di riferimento alle relative schede.
Per fare una pausa lungo i vari tragitti sono segnalati le piole, i ristoranti, i caffè - e i relativi scalini di accesso.
Il Comune di Moncalieri ha realizzato un'ottima opera: la Guida è comunicazione turistica, certo, ma anche ritratto dell'impegno sulla vivibilità della Città da parte di tutti, segno di attenzione e rispetto. Indice di cultura alta.
Nel prossimo aggiornamento della Guida ci saranno di certo delle accessibilità in più: alla collezione dei "subijet" o al Monastero delle Carmelitane o a qualche caffetteria del centro.
Il libro è disponibile sul sito www.comune.moncalieri.to.it/servizi/politiche/diversamente_abili/ index_diversam_abili.html.

(ed)

A cura di Laura Pompeo, Moncalieri. Guida alla Città accessibile, Comune di Moncalieri (TO), 2007

 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011


VOCI INTERNE