AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Canale Multimediale

Tecnica


Sei in: Home > Canale multimediale > Tecnica

TECNICA

In questa sezione del Canale Multimediale troverete alcune semplici informazioni per capire meglio come avviene la trasmissione di contenuti audiovisivi attraverso Internet.

Che cos'è lo streaming

Lo streaming è una modalità di distribuzione di contenuti audiovisivi attraverso Internet che permette la visione di filmati senza "scaricare" sul computer dell'utente l'intero file contenente le informazioni video e audio. Lo streaming crea un flusso di dati tra il server e l'utente e consente la visione dei filmati nella modalità on-demand e la trasmissione in diretta proprio come una televisione via etere.

Fino a qualche anno fa, per condividere contenuti video con altre persone via internet, si doveva semplicemente mettere un file AVI o MOV sul proprio sito. Il destinatario doveva collegarsi alla rete e scaricare sul suo computer l'intero documento, prima di poterlo aprire e riprodurre.
I tempi di attesa per un file di 500Kpotevano superare i due minuti.
Inoltre non potendo visualizzare i contenuti fino alla fine del caricamento non sarebbe possibile conoscere in anticipo la natura del video, e quindi si rischierebbe di sprecare tempo e scatti telefonici per qualcosa che in realtà non interessa.

Per superare questo grande limite, alla fine del 1996 è stata sviluppata una modalità di trasmissione chiamata Streaming, che permette di creare filmati altamente compressi e trasmessi in rete in tempo reale. Dopo aver scaricato il programma di riproduzione idoneo, possiamo infatti cliccare su un collegamento e, dopo qualche secondo di caricamento, cominciare subito a vedere qualcosa. Questa prima fase serve al programma per stimare la velocità di trasferimento e creare una memoria tampone detta buffer, che renda la riproduzione quanto più fluida possibile in rapporto alla velocità di cui dispone il nostro sistema. In pratica, dei programmi dedicati sono in grado di ricevere questo flusso in tempo reale man mano che i pacchetti di dati arrivano al browser e di restituirli per blocchi continui, mentre altri vengono scaricati dal modem.

Se il traffico in rete risulta congestionato si determinano delle momentanee interruzioni nella riproduzione, spesso limitate da un congruo spazio di buffer.
Grazie allo streaming è ora possibile trasmettere sequenze di immagini in movimento in tempo reale su Internet, e a questa forma di Tv in rete è stato coniato il termine webcasting, mutuato da broadcasting (teletrasmissione).

Tuttavia la qualità video è ancora tutt'altro che perfetta, infatti se il nostro collegamento non è di quelli veloci, per esempio 56 Kb/s, è facile ritrovarci di fronte a ritardi, blocchi dei fotogrammi, immagini distorte e audio indecifrabile. La qualità dell'audio e del video sta comunque facendo dei passi da gigante grazie all'aumento della velocità di collegamento e all'evoluzione nella tecnica di riproduzione diretta del video.
Un'altra modalità di fruizione di filmati per internet è il "progressive down-loading" che scarica il video sull' hard disk del computer dell'utente, ma contemporaneamente permette la visione del filmato.

Per un migliore utilizzo di queste pagine

Per poter accedere alla sezione con in filmati in streaming e visualizzarne correttamente
i contenuti e' necessario disporre di un PC con le seguenti caratteristiche:

  • sistema operativo MS Windows 98/ME/2000/XP con MS Windows Media Player 7.1 o successivo
  • sistema operativo MS Windows 95/NT4 con MS Windows Media Player 6.4
  • sistema operativo MacOS 9.x con MS Windows Media Player
 

Ultimo aggiornamento: 22/08/2011