AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Fauna, Flora, Parchi e Aree protette

Protezione ambientale


Sei in: Home > Fauna, Flora, Parchi e Aree protette > Protezione Ambientale > Progetti > Censimento aree umide

IL CENSIMENTO DELLE AREE UMIDE DELLA PROVINCIA DI TORINO

Per contribuire a conoscere e valorizzare il patrimonio naturale rappresentato dalle zone umide il Servizio in colaborazione con il Servizio Pianificazione Risorse Idriche, ha elaborato e condotto, nel corso degli anni 2003-2004, il "Censimento delle aree umide della Provincia di Torino".

Il progetto, che si è avvalso della competenza scientifica dell'ARPA Piemonte, ha consentito di creare un sistema informativo che reccoglie i dati ambientali relativi a 247 zone umide individuate sul territorio provinciale.
Il database, costituito da dati fisici, geografici e biologici, può essere interrogato secondo numerosi criteri di ricerca e consente l'immediata localizzazione territoriale delle zone indagate grazie alla cartografia allegate.
La fase operativa, costituita dall'esecuzione dei sopralluoghi per l'individuazione ed il censimento delle aree umide e la compilazione di apposite schede di rilevamento, è stata affidata alle Guardie Ecologiche Volontarie. Nel 2004, terminata la raccolta dati e la successiva elaborazione, è stata avviata la fase di divulgazione dei risultati ottenuti.

Una seconda fase del progetto ha permesso di mettere a punto e testare un nuovo metodo di valutazione ambientale integrata che consente di esprimere un giudizio sullo stato di salute di un determinato ambiente.
L'analisi si basa sulla valutazione delle pressioni antropiche, esercitate sull'area in oggetto di studio, quali l'agricoltura la zootecnica, l'industria, il turismo, le attività sportive , l'urbanizzazione, la caccia, etc...
Il metodo è risultato essere molto interessante poichè permette una valutazione preliminare di sostenibilità ambientale delle zone umide interne pur non richiedendo l'intervento di personale altamente qualificato nè la realizzazione di impegnative e costose campagne di monitoraggio.

 

Ultimo aggiornamento: 12/11/2015