AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Fauna, Flora, Parchi e Aree protette

Protezione ambientale


Sei in: Home > Fauna, Flora, Parchi e Aree protette > Protezione Ambientale > Progetti > I tre laghi

I TRE LAGHI

Il progetto "Tre Laghi - Riduzione dell'eutrofizzazione di tre piccoli laghi italiani" è stato approvato dalla Commissione della Comunità Europea all'interno dello strumento finanziario Life-Ambiente con Decisione del 2 agosto 2002.

Il progetto, presentato in parternship dall'Ente di Gestione del Lago di interesse provinciale del Lago di Candia, dalla Comunità Montana Val Cavallina (BG) per il Lago di Endine e dalla Comunità Montana Su Sassu - Anglona - Gallura (SS) per il bacino Coghinas - Casteldoria, è finanziato in parte dall'Unione Europea e, per quanto riguarda gli interventi relativi al Parco naturale del Lago di Candia, per il 50% dalla Provincia di Torino.

Scopo del progetto è la riduzione del livello di eutrofizzazione delle acque dei tre laghi attraverso la realizzazione di interventi di ingegneria naturalistica quali impianti di bio e fito-depurazione delle acque, l'individuazione e la rimozione di eventuali depositi di rifiuti e sostanze inquinanti presenti sui fondali lacustri, la promozione di significative esperienze di agricoltura compatibile e sostenibile, con l'assegnazione di marchio e certificazione di qualità ecologica. Il progetto prevede, inoltre, l'attivazione di sinergie con i principali soggetti presenti sul territorio per la realizzazione di servizi a supporto dell'attività scientifica relativa allo studio dei bacini lacustri e la promozione di un turismo ecocompatibile che garantisca una fruizione delle risorse naturali più consapevole.

Per quanto riguarda in maniera specifica il Lago di Candia, sono previste la realizzazione di colture sperimentali che utilizzino sistemi di micorrizazione delle radici in luogo della concimazione chimica, la rivitalizzazione della Palude con il ripristino della rete idrografica dei canali che un tempo la solcavano e la riutilizzazione delle acque del Rio Bianizzo.

Le opere di ingegneria idraulica sono iniziate con l'escavazione di due nuovi canali trasversali in palude, con il ripristino dei canali perimetrali e con la realizzazione di vasche per la fitodepurazione delle acque meteoriche della collina di Barengo e delle acque provenienti dal depuratore del comune di Candia che confluiscono al lago.

 

Ultimo aggiornamento: 12/11/2015