AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Pari opportunità

Organismi di parità - Consulente di fiducia


Sei in: Home > Pari opportunità > Organismi di parità: consulente di fiducia


CONSULENTE DI FIDUCIA

Il 21 aprile 2010 con decreto del Presidente, è stata nominata, a seguito della pubblicazione di apposito bando, Rosa Laura Emanuel quale Consulente di Fiducia per le/i dipendenti della Provincia di Torino. La figura del Consulente di Fiducia è stata prevista nella Raccomandazione della Commissione Europea 92/131 relativa alla tutela della dignità delle donne e degli uomini sul lavoro e nella Risoluzione A3-0043/94 del Parlamento Europeo sulla designazione del Consigliere di Impresa.

L'introduzione di questa figura non può essere disgiunta dall'approvazione di un codice di condotta che ha funzioni di prevenzione di comportamenti vietati, crea procedure utili alla soluzione delle vicende rientranti nel suo campo di applicazione, favorisce l'emersione delle situazioni latenti e cerca, nel contempo, di informare e formare. Infatti il Regolamento di attuazione del codice di comportamento per la tutela della dignità sul lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori della Provincia di Torino (formato pdf 16 KB) è stato approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 86-56964/1996 del 30 aprile 1996 e successivamente modificato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41425/2002 del 5 marzo 2002, in cui all'art. 3 prevede la "Consulente di Fiducia".

La Consulente di Fiducia è una figura volta alla tutela della dignità di ogni dipendente a qualsiasi livello o funzione appartenga. Offre assistenza e consulenza a coloro che incorrono in comportamenti mobbizzanti, vessatori, determinati dalla volontà di annichilire professionalmente un collega, emarginarlo progressivamente per indurlo a lasciare il lavoro. Ogni anno la Consulente relaziona sulla propria attività al Presidente della Provincia e al Comitato per le pari opportunità; suggerisce azioni opportune, specifiche o generali, volte a promuovere un clima organizzativo idoneo ad assicurare la pari dignità e libertà delle persone, e partecipa alle iniziative di informazione e formazione promosse dall'Ente per tale scopo.

 

Ultimo aggiornamento: 09/11/2011