AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

Pari opportunità

Piano territoriale


Sei in: Home > Pari opportunità > Piano territoriale


UGUALMENTE: PIANO TERRITORIALE PLURIENNALE PARI OPPORTUNITÀ

L'uguaglianza fra i sessi è uno dei diritti fondamentali e uno dei punti di forza delle politiche della Provincia di Torino.
A ciò hanno largamente contribuito sia l'Unione europea che la Regione Piemonte, attraverso le proprie politiche ed i propri strumenti che hanno avuto un peso rilevante sull'uguaglianza di trattamento e di integrazione delle donne nella società.
Tuttavia, nonostante un'evoluzione positiva verso una società ed un mercato del lavoro più ugualitari, persistono delle grosse disuguaglianze tra donne e uomini, essenzialmente a sfavore delle prime.

Questa Provincia, studiando e realizzando nuove attività e adottando strategie destinate a rafforzare ed implementare la cultura della parità nel territorio, ha reso le politiche di pari opportunità presupposti irrinunciabili per una crescita durevole, per l'occupazione, per la competitività e la coesione sociale.
La lotta contro le diseguaglianze persistenti tra le donne e gli uomini in tutti gli ambiti della società, rappresenta una sfida a lungo termine in quanto richiede cambiamenti strutturali e comportamentali e una ridefinizione dei ruoli delle donne e degli uomini.

Questo Ente, attraverso la redazione del Piano territoriale pluriennale pari opportunità 2010/2013 "Ugualmente", ha inteso proseguire l'impegno assunto con il precedente piano pluriennale "In pari" con la realizzazione di uno strumento che, accanto al tradizionale ordinamento per contenuti, potesse assumere un punto di vista organizzativo tale da consentire una gestione ancora più efficace del mainstreaming, declinato attraverso la pianificazione, il coordinamento e la condivisione attiva della direzione politica e della struttura, degli Enti Locali e delle Realtà territoriali.

Una metodologia di analisi e programmazione innovativa, mutuata da sperimentazioni internazionali e applicata, forse, per la prima volta nel nostro Paese, ha consentito il raggiungimento dell'obiettivo.
Il sostegno delle strutture e degli organi di parità permetterà di determinare e di affrontare le priorità che si palesano di giorno in giorno nell'operato amministrativo.
L'attuazione del Piano dovrà, perciò, rafforzare il processo di sensibilizzazione e di formazione dei vari servizi e il percorso di acquisizione, da parte delle realtà politiche e operative, delle buone prassi sperimentate ovvero delle innovazioni che hanno dimostrato la loro efficacia.

DOCUMENTI SCARICABILI

Archivio

Torna su^

 

Ultimo aggiornamento: 19/08/2011