AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2008: Aquila reale ferita


UN'AQUILA REALE FERITA AD UN'ALA RECUPERATA AL PIAN DEL FRAIS E
CURATA DAI MEDICI DELLA FACOLTÀ DI VETERINARIA DI TORINO


PRESENTAZIONE

Filmato: Aquila reale salvata a Pian del Frais
Durata: 02' 38"

Ancora una volta, nelle settimane scorse, un esemplare di Aquila Reale, in evidente difficoltà ed impossibilitato a riprendere il volo, è stato recuperato dagli agenti del Servizio di Tutela della Fauna e della Flora della Provincia di Torino, i quali hanno hanno portato l'esemplare all'ospedale veterinario "Anubi" di Moncalieri per le prime cure. L'Aquila è poi stata presa in cura dal professor Sergio Bianco della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Torino, con la quale la Provincia ha una convenzione.

Il rapace era stato ritrovato da due cacciatori al termine di una battuta sul pianoro del Frais, nel territorio del Comune di Chiomonte, in Alta Valsusa.

Non essendo state riscontrate sul corpo dell'Aquila Reale ferite da arma da fuoco, si ipotizza che possa aver urtato violentemente contro un ostacolo: un traliccio, un cavo elettrico o la fune di un impianto di risalita. Il professor Bianco ha eseguito un'intervento di osteosintesi all'ala sinistra, per la ricomposizione di una frattura del radio e dell'ulna.

Attualmente l'animale è in osservazione presso la Facoltà di Veterinaria ed è in discrete condizioni fisiche. Secondo i sanitari il rapace non è più in pericolo di vita. Le probabilità che possa riprendere il volo e (soprattutto) tornare ad essere in grado di cacciare per alimentarsi dipendono dall'esito dell'intervento cui è stato sottoposto.

(8 gennaio 2008)