AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2008: Salviamo le cicogne di Gassino


PER SALVARE IL NIDO DELLE CICOGNE BIANCHE
A GASSINO PROVINCIA, COMUNE, ENEL E LIPU UNISCONO LE FORZE

PRESENTAZIONE

Lungo la Strada Regionale 590 della Valle Cerrina, nel comune di Gassino, da tre anni una coppia di Cicogne Bianche ha costruito il proprio nido sulla sommità di un abete rosso, morto a causa di una potatura effettuata a scopo precauzionale, dovuta alla vicinanza con la carreggiata stradale. Nel 2006 la coppia è riuscita a portare a compimento la nidificazione facendo involare un giovane, il quale, durante la permanenza nel nido, era stato anche inanellato a scopi scientifici. Nel 2007 il successo riproduttivo è stato maggiore e la coppia è riuscita a far involare ben tre giovani. E anche quest'anno nel nido sono presenti e vitali tre piccole Cicogne. Il proprietario della pianta, preoccupato dalla precaria stabilità dell'albero, ha interpellato per un intervento di messa in sicurezza il Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia, che porta avanti da alcuni anni il progetto "Salviamoli insieme", dedicato appunto alla salvaguardia degli animali selvatici in difficoltà. L’eventuale caduta dell'abete ostruirebbe completamente la carreggiata della Regionale 590, con gli immaginabili pericoli per l’incolumità dei volatili e per la sicurezza della circolazione.

La messa in sicurezza dell’albero e del nido ha coinvolto soggetti pubblici e privati. Il Comune di Gassino ha subito mostrato interesse a fare in modo che la nidificazione delle cicogne permanga nel proprio territorio. L'Enel, interpellata dal Servizio Tutela Fauna e Flora, ha dimostrato notevole sensibilità, curando la posa in opera di tre alti pali di acciaio cementati nel terreno e legati alla pianta; il tutto a spese del Comune di Gassino e della Provincia. Nel mese di luglio, dopo l'involo dei piccoli, l'Enel posizionerà gratuitamente un palo, sul quale verrà posta una piattaforma, fornita dalla LIPU, dove sarà posizionato il nido per le future nidificazioni. A quel punto sarà possibile tagliare la pianta seccata negli anni scorsi.

(14 maggio 2008)