AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Europa e cooperazione > ANNO 2008: Il dialogo interreligioso Ŕ scuola di pace


IL DIALOGO INTERRELIGIOSO COME SCUOLA DI PACE
Presentato in Provincia il progetto Dudal Jam

PRESENTAZIONE

Il progetto Dudal Jam (che in lingua peulh significa scuola di pace, centro per la pace) ha sede nella regione Sahel del Burkina Faso e si pone l'obiettivo di mettere a disposizione di giovani africani ed europei un programma di co-educazione alla pace attraverso il dialogo interculturale e interreligioso. Nasce dall'esperienza quarantennale dell'Union fraternelle des Croyants, un'associazione tra cristiani, musulmani e animisti nata nel 1969 nel Burkina Faso che ha dato straordinari risultati in termini di pace e sviluppo. Il progetto Dudal Jam Ŕ conosciuto in Italia grazie alla rete di sei Comuni della provincia di Torino (Airasca, Avigliana, Orbassano, Piossasco, Roletto e Villarbasse), impegnati da tempo in esperienze di cooperazione nel Sahel, che hanno coinvolto il movimento missionario CEM MondialitÓ e l'organizzazione non governativa LVIA nella promozione della campagna nazionale "Dudal jam".

Per presentare questa esperienza di dialogo interculturale e interreligioso, venerdi' 5 settembre, a Palazzo Cisterna, il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e l'assessore alle Relazioni internazionali Aurora Tesio, insieme all'assessore Michele Dell'Utri del Comune di Torino e all'assessore Rosina Borgi del Comune di Piossasco, hanno incontrato la delegazione "BurkinabŔ": ne facevano parte Joachim Ouedraogo, vescovo di Dori e presidente della Commissione per il dialogo tra cristiani e musulmani del Burkina Faso e del Niger, Guido Fiandino, vescovo ausiliare di Torino e un rappresentante del grande imam di Dori Amadou Moussa, oltre a dirigenti e animatori di Dudal Jam.

"In un mondo che parla sempre pi¨ di conflitto, e che sempre pi¨ spesso lo pratica" hanno affermato Saitta e Tesio, "esistono per fortuna anche esperienze come questa, che promuovono il dialogo e che insegnano anche a noi europei il cammino verso la pace".

(5 settembre 2008)