AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Istituzionale > ANNO 2008: Silfab a Borgofranco d'Ivrea


Protocollo d'intesa per insediare rapidamente la SILFAB a Borgofranco d'Ivrea.
Saitta: rispettato l'impegno previsto nel Piano strategico del Canavese

PRESENTAZIONE

La Giunta provinciale ha approvato martedì 13 maggio il protocollo d'intesa che a breve sarà sottoscritto ufficialmente con la Regione Piemonte, il Comune di Borgofranco d'Ivrea e il Centro estero per l'internazionalizzazione Piemonte, per arrivare in tempi rapidi all'insediamento della Silfab che darà il via nel Canavese alla filiera dell'energia da fonti rinnovabili.
"Siamo alla vigilia di una realizzazione concreta e molto importante per l'economia Canavesana, strettamente collegata al lavoro che ha visto la Provincia di Torino fortemente impegnata sulle linee scaturite dal Piano strategico del Canavese - sottolinea il presidente della Provincia Antonio Saitta che cita letteralmente dal documento riassuntivo del Piano, presentato nel settembre 2007: - l'obiettivo è realizzare una filiera vera e propria, che porti ricchezza nel Canavese migliorando il valore aggiunto della produzione. L'idea è creare un'area di ricerca e sviluppo capace di supportare i know how nel settore dell'energia, affiancato da strutture industriali produttive".
"Con l'arrivo di Silfab - dice Saitta - questo impegno del Piano strategico è rispettato". L'azienda si impegnerà non solo ad insediarsi a Borgofranco, ma a portare avanti nei tempi previsti il programma di investimenti necessari alla messa in opera di un nuovo sito industriale entro il 2009 per produrre 2500 tonnellate all'anno di silicio policristallino, destinate ad incrementarsi fino a 5mila, oltre all'attività di ricerca nel campo dell'energia solare.
Ogni Ente con la sottoscrizione del protocollo d'intesa si assume una parte di impegni che dovranno accelerare il più possibile l'insediamento della Silfab nell'area fino al 2006 occupata dalla Novelis, per il quale è necessaria anche una variante al Piano regolatore di Borgofranco: "per questo - aggiunge Saitta - nel protocollo firmo l'impegno a minimizzare i tempi di esame delle proposte e degli iter autorizzativi".

(14 maggio 2008)