AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2009: Acquisti Pubblici Ecologici


LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CHE COMPRANO VERDE SPENDONO MEGLIO



La rete di enti e associazioni che aderiscono al progetto APE (Acquisti Pubblici Ecologici), coordinata dalla Provincia di Torino, si arricchisce di 11 nuovi soggetti e di 3 nuovi prodotti. Entrano infatti, tra i sottoscrittori 5 Comuni (Almese, Giaveno, Ivrea, Piossasco e Villastellone), il Parco naturale dei Laghi di Avigliana, l'Agenzia per lo sviluppo sostenibile del Pianalto di Poirino, l'Agenzia per lo Sviluppo del Sud-Ovest di Torino, 2 aziende per la gestione dei rifiuti (Acsel e Amiat) e il presidio sanitario Gradenigo, E tra i prodotti "verdi" acquistabili sono ora disponibili il compost, l'energia elettrica e la carta stampata.
E' questo il contenuto del protocollo d'intesa firmato venerdì 27 febbraio a Palazzo Cisterna, e sottoscritto per la Provincia di Torino dall'assessore alla Pianificazione ambientale e allo Sviluppo sostenibile Angela Massaglia.

L'iniziativa, nata nel 2003, è promossa dalla Provincia e dall'Arpa Piemonte. I sottoscrittori del protocollo si impegnano a utilizzare criteri ecologici nell'acquisto di beni e servizi per i propri uffici: oltre al compost, all'energia elettrica e alla carta stampata, sono contemplati autoveicoli, mobili, attrezzature informatiche, carta per fotocopie e pubblicazioni, alimenti e servizi di ristorazione, servizi di pulizia, meeting e costruzione e ristrutturazione di edifici.
Il settore degli approvvigionamenti pubblici rappresenta mediamente il 16% del PIL dell'UE. Nel corso del 2007 il volume di spesa per acquisti verdi della Rete APE è stato di 14,5 milioni di euro, con un incremento rispetto al 2006 di oltre il 300%, che deriva anche dal fatto che sono aumentati i soggetti compratori e le categorie di prodotti. Il maggior contributo giunge dal Comune di Collegno con 4,8 milioni di euro, tra cui 2,9 milioni per i servizi di ristorazione. Proprio i servizi di ristorazione sono la principale voce di spesa della Rete, con il 29%, seguiti dai mobili per ufficio con il 13% e dai servizi di pulizia con il 12%.

Con le nuove adesioni sono 35 le organizzazioni che fanno parte del progetto. Sono Comuni e Comunità montane, enti parco, consorzi di servizi pubblici, agenzie per lo sviluppo del territorio, associazioni culturali, una Camera di commercio, una scuola e, da oggi, anche un presidio sanitario. A marzo giungerà anche l'adesione dell'Università di Torino.
Con il progetto APE le amministrazioni pubbliche esercitano uno stimolo nei confronti del mercato contribuendo a orientare il mercato verso la produzione di beni a basso impatto ambientale. Si tratta inoltre, dell'unico gruppo di enti in Italia che, oltre a fare acquisti verdi, è in grado di monitorare annualmente il volume di spesa per ogni categoria di prodotti utilizzati.

(27 febbraio 2009)