AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2009: Boa e pitone recuperati a Torino


SEQUESTRATI UN PITONE ED UN BOA DI GRANDI DIMENSIONI LASCIATI
INCUSTODITI IN UN APPARTAMENTO DI TORINO

PRESENTAZIONE

Nei giorni scorsi gli agenti del Servizio di Tutela della Fauna e della Flora della Provincia di Torino sono intervenuti, su richiesta dei Vigili del Fuoco, per il recupero di due serpenti di grandi dimensioni in un appartamento di via Santa Chiara 36 a Torino.
Giunti sul posto, gli agenti fanustico-venatori della Provincia si sono resi conto di trovarsi di fronte a qualcosa di fuori dal comune: un Pitone e un Boa che hanno raggiunto l’età adulta ed il massimo delle dimensioni, circa 5 metri di lunghezza ed un peso di oltre 60 kilogrammi.
I due rettili in questione sono protetti dalle convenzioni internazionali e sono inseriti nella lista degli animali pericolosi. Chi li deteneva li aveva sistemati in una teca precaria, che non garantiva la sicurezza.
I Vigili del Fuoco e la Polizia avevano deciso di entrare nell’abitazione, sfondando la porta d’ingresso, poiché da molte settimane l’affittuario non era più stato visto, né dal proprietario né dai vicini di casa: si temeva fosse stato vittima di un malore. E’ invece risultato che aveva abbandonato l’appartamento, lasciandovi i due rettili incustoditi.
Il medico veterinario dell’Asl in servizio di reperibilità ha subito proceduto al sequestro cautelativo del Pitone e del Boa, mentre gli agenti della Provincia hanno provveduto a trasportarli in un luogo idoneo alla temporanea detenzione.

(4 giugno 2009)