AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2009: Catturato e liberato cervo a Bardonecchia


CATTURATO E LIBERATO FUORI DAL CENTRO ABITATO "GÜCIA",
IL CERVO CHE DA TRE SETTIMANE STAZIONAVA TRA LE CASE DI BORGO VECCHIO A BARDONECCHIA
La lunga e delicata operazione del Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia

PRESENTAZIONE

Filmato: Catturato e liberato cervo a Bardonecchia
Durata: 01' 43"

Da alcune settimane, dopo le grandi nevicate di dicembre, a Bardonecchia, tra le case della zona di via San Giorgio, si aggirava uno splendido esemplare di Cervo adulto, del peso di circa 150 Kilogrammi e di età presunta intorno ai 14 anni. Subito soprannominato "Gücia" ("ago" in piemontese) per il suo splendido palco di corna aguzze, il cervo aveva trovato tra le case della parte alta del Borgo Vecchio di Bardonecchia una serie di comodi rifugi (in garage, scantinati e cortili) e cibo sicuro, diventando una vera e propria attrattiva per residenti e villeggianti, alcuni dei quali lo hanno rifocillato con frutta ed ortaggi. Per il resto, il cervo sapeva cavarsela benissimo, alimentandosi con rami, foglie e germogli di edera, piante ornamentali e sempreverdi.

Un animale di 150 Kilogrammi con le corna molto affilate costituiva però un pericolo per le persone: sia per via delle corna stesse, sia perché, se spaventato, può scalciare, procurando gravi ferite a chi lo avvicina. Per questo motivo, nei giorni scorsi gli agenti del Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia di Torino sono intervenuti per immobilizzare l'animale e trasportarlo in un luogo più consono. Un primo tentativo di narcotizzare il cervo con siringhe sparate da appositi fucili non è riuscito. Si è resa pertanto necessaria una lunga, delicata e complicata operazione di cattura con l'ausilio di reti a caduta. Dopo alcune ore di paziente lavoro, il personale della Provincia (coadiuvato dai veterinari dell'Asl TO3, dal personale del Comprensorio Alpino TO2 e del Comune di Bardonecchia e da alcuni appassionati naturalisti della zona) è riuscito ad immobilizzare l'animale, a segare il palco di corna (che avrebbe comunque deposto nelle prossime settimane, come avviene ogni anno) per introdurlo nell'apposita cassa, utilizzata per il trasporto. Il cervo è stato successivamente liberato in un'area nei pressi di Chateau Beaulard, dove vivono e si riproducono normalmente cervi, caprioli e camosci.

Sergio Bisacca, Vice-Presidente della Provincia di Torino e Assessore alla Tutela della Fauna e della Flora, sottolinea come "nelle ultime settimane, a seguito delle abbondanti nevicate in tutte le vallate alpine e le zone collinari, si sono moltiplicati gli interventi degli agenti del nostro Servizio Tutela Fauna e Flora, che ringrazio per il costante e prezioso impegno, in soccorso di animali feriti o in difficoltà. In qualche caso gli animali sono stati semplicemente aiutati a riguadagnare luoghi più sicuri e consoni alle loro esigenze di vita ed alimentazione. In altri casi siamo intervenuti per curarli e rifocillarli, rimettendoli in libertà non appena le condizioni di salute lo hanno consentito". "Spesso, - precisa Bisacca - sono i cittadini o gli amministratori locali ad avvisare il nostro personale sulle situazioni di pericolo che corrono gli animali o su presenze anomale di ungulati ed altri selvatici nei centri abitati. Cervi, caprioli, camosci e cinghiali, spinti dalla fame, dal freddo e dalla difficoltà di muoversi in quota, raggiungono i fondovalle, alla ricerca di cibo e di luoghi sicuri in cui svernare. Si tratta di un fenomeno molto difficile da quantificare e con il quale i cittadini devono imparare a convivere, senza disturbare gli animali. In casi di questo genere, consigliamo di avvisare gli agenti faunistici della Provincia o il personale comunale, soprattutto quando gli esemplari possono costituire un pericolo per le persone".

(19 gennaio 2009)