AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2009: Lieto evento nel nido di cicogne a Gassino


Lieto evento nel nido di cicogne a Gassino
Salvati a Santena quattro cuccioli di volpe dal nostro Servizio Tutela Fauna e Flora


"LIETO EVENTO" NEL NIDO DELLE CICOGNE A GASSINO, SUL PALO INSTALLATO DALL'ENEL AL POSTO DI UN ABETE SECCATO


Filmato: Lieto evento al nido di Gassino
Durata: 01' 30"

Prosegue con successo la collaborazione tra Provincia di Torino, Comune di Gassino Torinese, Enel e LIPU per la salvaguardia dell'unico sito di riproduzione della Cicogna Bianca esistente nel Chivassese, lungo la Strada Regionale 590. L'abete rosso, sulla cui sommità una coppia di cicogne ha nidificato a partire dal 2006 (con quattro nascite nel 2008), è seccato ed è stato sostituito da un palo, posto nelle immediate vicinanze e messo a disposizione dall'Enel. Sul palo è stata collocata una piattaforma in legno, fornita dalla LIPU e guarnita di ramaglie: su di essa la coppia di cicogne ha ricostruito nei mesi scorsi il proprio nido. Nei giorni scorsi, è avvenuta la schiusa delle uova. Al momento è possibile constatare la presenza di un piccolo di Cicogna. L'installazione del palo era avvenuta nel settembre dell'anno scorso nella proprietà della Falegnameria Gilardi, la quale ha manifestato grande sensibilità per il progetto "Salviamoli insieme" della Provincia. In accordo con il Comune di Gassino e la LIPU, il nuovo palo, alto 16 metri, è stato collocato nelle vicinanze del vecchio nido, in un luogo più lontano dalla strada, per favorire l'esecuzione dei lavori in assoluta sicurezza. Il proprietario della pianta su cui, dal 2006, aveva nidificato la coppia di Cicogne Bianche, aveva interpellato il Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia, segnalando la precaria stabilità dell'abete, la cui caduta avrebbe, tra l'altro, ostruito completamente la carreggiata della Regionale 590, con gli immaginabili pericoli per l'incolumità dei volatili e per la sicurezza della circolazione.

La provvisoria messa in sicurezza dell'albero e del nido ha coinvolto soggetti pubblici e privati. Il Comune di Gassino ha subito mostrato interesse a fare in modo che la nidificazione delle cicogne permanesse nel proprio territorio. L'Enel ha dimostrato notevole sensibilità, curando la posa in opera di tre alti pali di acciaio cementati nel terreno e legati alla pianta; il tutto a spese del Comune di Gassino e della Provincia. La posa in opera del nuovo palo ha permesso successivamente il taglio della pianta secca e pericolante. Grazie alla collaborazione tra Enel e LIPU, analoghe operazioni per la salvaguardia delle Cicogne sono state realizzate in altre zone di Italia: nel Parco del Ticino, nell'Oasi Orti Bottagone in Toscana, nel Parco del Cilento in Campania e nei pressi del fiume Ofanto a Cerignola in Puglia. La Cicogna Bianca vive in zone con clima mediterraneo e continentale alle medie latitudini: è ampiamente presente nell'Europa centrale e orientale, nel sud e nell'est del Portogallo, in Spagna e nell'Africa nord occidentale. Preferisce gli spazi aperti come le savane (dove ci sono pochi alberi, da cui si domina il paesaggio) e le steppe, le zone umide e allagate come le risaie e i campi irrigati, i prati e i pascoli, i campi arati, dove trova facilmente cibo in abbondanza. La Cicogna è una specie migratrice: i luoghi di nidificazione si trovano tra il 30° e 60° di latitudine in Europa, l'Asia Minore e Nord Africa, mentre nei mesi invernali predilige l'Africa. Al di fuori del periodo riproduttivo la Cicogna Bianca è una specie estremamente gregaria: quando migra verso i "quartieri" invernali ed anche nei territori africani forma grandi stormi. Durante il periodo riproduttivo le Cicogne formano coppie solitarie. Sono estremamente territoriali, ossia difendono il proprio nido e il territorio circostante dagli intrusi. Il maschio resta per ore sul nido mettendosi anche in mostra battendo il becco, e facendo una danza particolare e si allontana solo per cercare cibo nelle vicinanze. Il materiale usato per la costruzione del nido è costituito principalmente da rami, bastoncini, terra, concime ed è foderato con ramoscelli ed erba; il tutto viene raccolto nelle vicinanze del nido, in un raggio di circa 500 metri. Il nido generalmente ha un'altezza di 1-2 m e un diametro di 80-150 centimetri. Le uova sono di colore bianco, misurano 73x52 mm e pesano 111g. La dimensione della covata, ossia il numero di uova deposte, varia da 1 a 7 uova; in media è di 4. L'incubazione delle uova inizia con il primo o secondo uovo deposto e questo provoca una schiusa asincrona dei pulcini, che schiudono in giorni diversi e quindi hanno dimensioni differenti tra loro. La cova dura in media 33-34 giorni ed entrambi i membri della coppia covano le uova. Circa 40-50 giorni dopo la schiusa i pulcini iniziano a battere le ali per imparare a volare. Dopo due mesi di vita sono in grado di abbandonare il nido, ma poi vi fanno ritorno perché vengono ancora nutriti dai genitori per alcune settimane, fino al completo raggiungimento dell'indipendenza alimentare.

Torna su^


RECUPERATI E SALVATI A SANTENA QUATTRO CUCCIOLI DI VOLPE

Nei giorni scorsi una signora abitante a Santena ha consegnato all'ospedale veterinario "Anubi" di Moncalieri quattro cuccioli di Volpe dell'età apparente di circa 60 giorni. Raggiunta telefonicamente dall'agente del Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia di Torino incaricato del progetto "Salviamoli Insieme", la signora santenese ha spiegato di aver avvertito sempre più insistentemente i tipici versi emessi dai cuccioli di canidi provenire da un'intercapedine di un pavimento esterno della sua abitazione. Non potendo raggiungere personalmente il luogo da cui provenivano i versi, ha chiamato i Vigili del Fuoco, i quali hanno smontato parzialmente l'intercapedine e hanno raggiunto i quattro cuccioli, visibilmente denutriti. Gli animali sono stati consegnati all'ospedale "Anubi" e, in un paio di giorni, riportati in buone condizioni di forma. Ora sono accuditi presso il l'associazione "Green Heron" (che ha sede a Gassino ed è convenzionata con la Provincia), in attesa del completo sviluppo fisico e della successiva liberazione in un ambiente naturale idoneo. Si ipotizza che la mamma dei cuccioli, vista l'elevata urbanizzazione della località in cui li ha dati alla luce, possa essere stata vittima di un investimento da parte di un veicolo.

IL PROGETTO "SALVIAMOLI INSIEME"

La fauna selvatica è un bene prezioso della collettività ed è tutelata dalla legge. Chi trova un animale selvatico in difficoltà deve accertarsi che non sia un giovane uccello al suo primo volo o un cucciolo sorvegliato a distanza dalla madre, situazioni che in natura sono del tutto normali. Se si appura con certezza che l'animale è ferito o in pericolo non bisogna stressarlo, inseguendolo o facendo eccessivo rumore. Occorre avvicinarlo con calma e lentamente; una volta catturato, va riposto in un contenitore adeguatamente areato e non bisogna disturbarlo ulteriormente e non manipolarlo più dello stretto necessario.
Dove consegnare gli animali feriti

  • Provincia di Torino-Servizio Tutela Fauna e Flora, corso Inghilterra 7/9, Torino, telefono 011-8616987, cellulare 349-4163347; dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 14,30, il venerdì dalle 9 alle 13
  • Clinica Veterinaria Anubi, strada Genova 299/a, Moncalieri, telefono 011-6813033; tutti i giorni compresi i festivi
  • Arci Gassino "Green Heron", strada Ressia 34, Gassino, telefono 011-9818430; tutti i giorni dalle 9 alle 17
  • Ospedale Veterinario della Facoltà di Medicina Veterinaria, via Leonardo da Vinci 44, Grugliasco, telefono accettazione 011-6709157-8, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14.

(11 maggio 2009)

Torna su^