AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Cultura > ANNO 2009: La Provincia per minoranze linguistiche


LA PROVINCIA DI TORINO PER LE MINORANZE LINGUISTICHE
Occitano, Franco-Provenzale e Francese:
sono 84 i Comuni e 8 le Comunità Montane di lingua e cultura minoritaria

  • Presentazione
  • Programma (formato pdf 1.400 KB)

PRESENTAZIONE

Sabato 4 aprile dalle 15 alle 23 al Teatro Vittoria in via Gramsci 4 a Torino, la Provincia ha organizzato una grande giornata di festa per celebrare i dieci anni del suo impegno per le minoranze linguistiche, dove si alterneranno protagonisti, eventi, immagini e musica.
Nel corso della giornata si ripercorreranno le tappe di questo straordinario viaggio che ha ridato vigore all'identità culturale del nostro territorio, ma si farà anche il punto su ciò che resta da fare insieme con tutti i protagonisti che in questi anni hanno accolto e dato gambe al progetto. Per un giorno a Torino si parlarà occitano, francoprovenzale, francese, arbereshe... Tutte le lingua tutelate dalla legge 482 saranno presenti e testimonieranno l'impegno di continuare a lavorare per il futuro

10 anni di impegno

Il 15 dicembre 1999 lo Stato italiano ha promulgato la legge 482/99 "Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche": da allora la Provincia di Torino ha iniziato un lavoro costante a favore dell'applicazione della legge, cominciando a determinare e delimitare i territori dei Comuni interessati all'applicazione della legge.
Tante le iniziative pubbliche che si sono susseguite, ma l'occasione del Giochi Olimpici Invernali nel 2006 ha consentito alla Provincia di Torino di mettere in piedi con Chambra d'òc un progetto ambizioso di comunicazione territoriale denominato "Lingue madri delle valli olimpiche: Occitano, Francoprovenzale, Francese".
Nella cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici per la prima volta a livello mondiale è risuonato l'inno "Se Chanta", mentre a Torino, Oulx e a Casa Olimpia di Sestriere sono stati aperti gli "Sportelli di servizio per le lingue occitana, francoprovenzale e francese", insieme a un ricco programma di eventi tra cui le mostre sui Catari, i Trovatori e sul Premio Nobel Frederic Mistral.
In occasione dei Giochi Olimpici è nata la rete di Comuni e Comunità Montane che ha ideato la cerimonia di inaugurazione, sulle facciate di tanti Municipi, delle bandiere occitana, francoprovenzale e walser. La Regione Piemonte ha recepito questa istanza del territorio promulgando una legge in merito.
In 10 anni di attività, in sintonia con le amministrazioni locali e le associazioni sparse sul territorio, sono stati organizzati corsi di lingua, aperti gli Sportelli di servizio linguistico, organizzate attività culturali, aperto il Ce.S.Do.Me.O., (Centro Studi Documentazione Memoria Orale) di Giaglione, e un tavolo con la Rai per uno spazio nell'informazione regionale.

(30 marzo 2009)