AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2009: La raccolta differenziata è al 50%


FESTA 50% RACCOLTA DIFFERENZIATA

PRESENTAZIONE

Filmato: Premiati comuni ricicloni
Durata: 3' 01"

La Provincia di Torino ha raggiunto in questi giorni il traguardo del 50% di raccolta differenziata. Risultato molto positivo, perchè conseguito con notevole anticipo rispetto agli obblighi di legge, che pongono l’obiettivo del 45% alla fine del 2008, e ai parametri del Piano provinciale di gestione dei rifiuti (PPGR), che fissa il raggiungimento del 50% per la metà del 2010.
La Provincia di Torino ha deciso di festeggiare l’importante risultato con i protagonisti, vale a dire con i cittadini e gli amministratori locali. Nei giorni 21 e 22 febbraio e 1° e 7 marzo sarà consegnata una targa ricordo come premio simbolico per il decisivo contributo nel raggiungimento del 50%.

I Comuni prescelti sono quelli con la più alta percentuale di raccolta differenziata all’interno del proprio consorzio (Almese, Brandizzo, Cafasse, Inverso Pinasca, Montalenghe, Oglianico, Piossasco, Villarbasse e Villastellone); a essi si aggiungono Chieri, il centro con il miglior risultato tra quelli al di sopra dei 20000 abitanti, e Barone Canavese, che è il primatista assoluto con un eccezionale 88%.

Il continuo incremento della raccolta differenziata è dato dal numero sempre crescente di Comuni che, grazie ai finanziamenti messi a disposizione dalla Provincia, passano al porta a porta. A oggi sono ben 245 i Comuni che hanno adottato, grazie ai finanziamenti provinciali, sistemi di raccolta domiciliare innovativi, per un totale di oltre 1.400.000 abitanti, pari al 66% dell’intera popolazione provinciale.
I fondi complessivamente stanziati dalla Provincia dalla metà del 2004 ammontano a circa 13 milioni di euro.

(18 febbraio 2009)