AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2010: Acquisti pubblici ecologici


GLI ACQUISTI PUBBLICI SONO SEMPRE PIÙ VERDI
Nel 2009 spesi 65 milioni di euro dalla rete APE della Provincia di Torino

PRESENTAZIONE

Ammonta a ben 65 milioni di euro, con un incremento di quasi il 400% rispetto all’anno precedente, la spesa complessiva effettuata nel 2009 da enti e associazioni della rete degli Acquisti pubblici ecologici (APE) per l’approvvigionamento di beni e servizi a ridotto impatto ambientale.
Il progetto APE è stato varato dalla Provincia, in collaborazione con Arpa Piemonte, nel 2003.
L’obiettivo, definito sia nell’Agenda 21 provinciale che nel Piano strategico provinciale per la sostenibilità, è quello di promuovere la diffusione di prodotti e metodi di produzione improntati a criteri ecologici.

La rete dei soggetti che aderiscono al progetto APE ad oggi sono 37: Comuni e Comunità montane, l’Università di Torino, enti parco, consorzi di servizi pubblici, agenzie per lo sviluppo del territorio, associazioni culturali, una Camera di commercio, una scuola e un presidio sanitario, l’impegno è quello di utilizzare criteri ecocompatibili nell’acquisto di diversi beni e servizi per i propri uffici. Sono contemplati autoveicoli, mobili, attrezzature informatiche, carta per fotocopie e pubblicazioni, carta stampata, alimenti e servizi di ristorazione, servizi di pulizia, costruzione e ristrutturazione di edifici, eventi e seminari, compost ed energia elettrica.

Nel 2009 la rete APE ha “comprato ecologico” per il 55% dei suddetti beni e servizi: un risultato che va oltre a quanto richiesto dalla Commissione Europea, che pone agli Enti pubblici l’obiettivo del 50% di appalti verdi entro la fine del 2010. La principale voce di spesa della Rete sono i servizi di fornitura di energia elettrica con quota da fonte rinnovabile (49,87%) e i servizi di ristorazione con prodotti biologici e stagionali, con stoviglie riutilizzabili e con acqua da rubinetto (29,14%).

Il Protocollo APE della Provincia di Torino è l'unico progetto in Italia ad aver attivato un sistema di monitoraggio che consente di verificare le reali ricadute ambientali ed economiche degli acquisti verdi effettuati. Soltanto per le categorie energia elettrica, autoveicoli e attrezzature informatiche è stato possibile quantificare i benefici ambientali calcolando la riduzione di emissioni di gas climalteranti per oltre 47.000 tonnellate di CO2.

(25 maggio 2010)