AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2010: Pellice e Drac: intervento concertato per due fiumi


PELLICE E DRAC: INTERVENTO CONCERTATO PER DUE FIUMI
Un progetto transfrontaliero per la riqualificazione degli ambienti fluviali

PRESENTAZIONE

Ha preso il via in questi giorni, e si protrarrÓ per due anni, il progetto transfrontaliero italiano/francese denominato "Pellidrac", che rientra nel programma di iniziativa comunitaria Alcotra.

Due fiumi al centro dell'iniziativa, il Pellice e il Drac (un corso d'acqua che attraversa le due regioni di Rhone-Alpes e di Provence-Alpes-C˘te Azur), con caratteristiche morfologiche simili, tra le quali intensi fenomeni alluvionali e un territorio perifluviale con significativi interventi antropici.

L'obiettivo di fondo del progetto Ŕ predisporre un protocollo d'azione condiviso - sia sul piano delle metodologie scientifiche che su quello delle buone pratiche di gestione delle risorse idriche - al fine di perseguire la mitigazione del rischio idrogeologico e la riqualificazione ecologica degli ambienti fluviali.

Per quanto riguarda il Pellice, in particolare, l'area di studio interessa la porzione medio-alta del bacino.

Il progetto Pellidrac, sostenuto dalla Provincia di Torino e dal Conseil general de Hautes Alpes, nasce dalla volontÓ di rendere partecipi le popolazioni che vivono sulle rive dei due corsi d'acqua delle scelte di politica ambientale, che spesso vengono percepite come imposizioni dall'alto e, soprattutto, dalla necessitÓ di superare la contrapposizione, sovente avvertita dalle stesse popolazioni, tra la difesa dal rischio idraulico e la necessitÓ di preservare il patrimonio ambientale.

(20 gennaio 2010)