AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2011: 77 milioni di acquisti verdi


ACQUISTI VERDI: NEL 2010 RAGGIUNTI I 77 MILIONI
Fondamentale il contributo del territorio provinciale

PRESENTAZIONE

Filmato: Acquisti verdi
Durata: 03' 34"

"Non Ŕ solo il capoluogo a eccellere in fatto di acquisti verdi. Torino fa ovviamente la parte del leone, ma anche i Comuni e gli altri enti della provincia che aderiscono al progetto Acquisti Pubblici Ecologici danno un contributo fondamentale per raggiungere quei 77 milioni di euro che rappresentano la spesa verde del 2010, e che contiamo di portare a 100 milioni nel giro di 3 anni".
E' quanto ha sottolineato nella mattinata di martedi 28 giugno l'assessore all'Ambiente della Provincia di Torino Roberto Ronco commentando i dati del 2010 del progetto APE, durante la firma del nuovo protocollo d'intesa tra i soggetti che costituiscono la rete dei sottoscrittori impegnati a utilizzare criteri ecocompatibili nell'acquisto di beni e servizi per i propri uffici.
Ad oggi sono 46 tra Comuni e ComunitÓ montane, istituti scolastici, enti parco, consorzi di servizi pubblici, agenzie per lo sviluppo del territorio, associazioni culturali e ambientali, un presidio sanitario, la Camera di Commercio di Torino e l'UniversitÓ di Torino, cui si aggiungono da quest'anno il Politecnico e la SCR, SocietÓ di committenza regionale.

L'incremento della spesa per acquisti verdi Ŕ stato di 12 milioni di euro rispetto al 2009, vale a dire una crescita di oltre il 18%. Torino spende da sola oltre 52 dei 77 milioni complessivi, ma non vanno sottovalutati gli oltre 8 milioni di Collegno, i 3 milioni e mezzo della Provincia di Torino, i 3 milioni di Grugliasco e Chieri, il milione e mezzo di Moncalieri e i 900 mila euro di Avigliana.
La spesa per categoria di prodotto vede al primo posto i servizi di fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili (oltre 46 milioni di euro, pari all'85% di spesa ecologica rispetto alla spesa totale della categoria), seguiti da alimenti e servizi di ristorazione con prodotti biologici stagionali e stoviglie riutilizzabili (20 milioni, pari al 34%) e dai servizi di pulizia (quasi 5 milioni, pari al 64%).
Seguono le spese di ristrutturazione e di nuove costruzioni con quasi 2 milioni, le attrezzature informatiche con oltre 1 milione e gli autoveicoli con circa 800 mila euro.

La sostenibilitÓ ambientale non Ŕ in contrapposizione con le logiche economiche. Nel corso del 2010 i responsabili del progetto APE hanno messo a punto una metodologia di analisi dei costi che prende in considerazione non solo il costo iniziale di esborso, ma l'intero ciclo di vita del bene. Ne emerge che un prodotto ecologico pu˛ essere pi¨ economico di uno non ecologico, dato che ad un costo di investimento iniziale superiore si contrappone un successivo costo di utilizzo inferiore.
Applicando il metodo, per esempio, alle categorie degli autoveicoli e delle attrezzature informatiche, Ŕ stato calcolato (su un arco temporale di 5 anni) un beneficio economico di 386 mila euro. Si calcola inoltre che sul piano dei benefici ambientali, grazie al progetto APE, negli ultimi 2 anni siano stati risparmiate all'ambiente 100 mila tonnellate di CO2.

(28 giugno 2011)