AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Cultura > ANNO 2011: Celebrazioni di "Italia 150"


CELEBRAZIONE ITALIA 150
LE INIZIATIVE DELLA PROVINCIA



IL GRAN BALLO RISORGIMENTALE RIEVOCA ALLA CASERMA CERNAIA L'ATMOSFERA CULTURALE E SOCIALE DELL'ITALIA DI 150 ANNI FA

Filmato: Gran ballo risorgimentale
Durata: 01' 54"

Logo Gran Ballo Risorgimentale

Successo di pubblico e di immagine sabato 10 settembre nella piazza d'armi della Caserma Cernaia di Torino, dove la Provincia ha proposto il Gran Ballo Risorgimentale in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri e con la direzione artistica della Società di Danza Storica di Modena. Erano circa 370 i figuranti in costume che hanno partecipato all'omaggio danzante alla storia e ai valori fondanti della società italiana unitaria. La manifestazione era inserita nel calendario degli appuntamenti di "Esperienza Italia", promosse dal Comitato Italia 150. A nome della Giunta Provinciale, l'Assessore alla Cultura e al Turismo, Ugo Perone, ha portato il saluto ed il ringraziamento della Provincia ai danzatori, provenienti da tutta Italia e riuniti a Torino per onorare la prima Capitale d'Italia.

Nell'Ottocento i Gran Balli erano il momento centrale della vita sociale cittadina e, negli anni della lotta risorgimentale, furono tra le situazioni privilegiate in cui (alla pari delle rappresentazioni teatrali), si diffusero le idee unitarie, democratiche e liberali. Le danze codificate, quadriglie, valzer, marce e pas de trois, hanno entusiasmato i circa mille spettatori presenti, rievocando il fermento e l'entusiasmo patriottico dell'Italia di 150 anni orsono. Coordinati dal maestro di danza Fabio Mollica, i danzatori hanno fatto rivivere l'affascinante atmosfera culturale e sociale di un Paese che finalmente, a metà del XIX secolo, si affacciava sulla scena politica europea, affrancandosi dalla dominazione straniera.

Al termine delle esibizioni codificate, il pubblico presente ha potuto cimentarsi nelle danze. La serata si è conclusa con l'ammainabandiera sulle note dell'Inno di Mameli.

(12 settembre 2011)

Torna su ^