AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > ViabilitÓ > ANNO 2011: Una strada tra le Valli Orco e Grande di Lanzo


LA VALLE ORCO E LA VALLE GRANDE DI LANZO UNITE DA UNA STRADA
Aperto oggi il primo tratto della via di comunicazione Locana-Monastero di Lanzo

PRESENTAZIONE

Filmato: Pista agro silvo pastorale
Durata: 03' 01"

E' stato inaugurato lunedi 11 luglio alla presenza del sindaco di Locana Giovanni Bruno Mattiet, del presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e dell'assessore provinciale alla ViabilitÓ Alberto Avetta, il primo tratto della nuova strada che, una volta terminata, unirÓ Locana con Monastero di Lanzo, per una lunghezza di 12 chilometri.

Si tratta di una strada bianca larga 3 metri e mezzo, propriamente detta "pista agro-silvo-pastorale", e sarÓ l'unico collegamento tra la Valle Orco e la Valle Grande di Lanzo.
╚ un'opera di valenza turistica che consentirÓ escursioni a cavallo e in mountain bike verso localitÓ quali i laghi di Monastero e Prato Fiorito, l'Alpe di Coassolo o l'abitato di Cambrelle, trasformandosi in pista per sci di fondo nella stagione invernale, ma anche economica, dal momento che funge da collegamento con i numerosi alpeggi della zona. Inoltre, riveste l'importante funzione di pista tagliafuoco, assicurando ai boschi circostanti una difesa contro la minaccia degli incendi.

Dall'11 luglio sono aperti i primi 3 chilometri della strada, da Locana alla localitÓ Cambrelle.
Il costo di questo primo tratto Ŕ stato di 250 mila euro, garantiti da un finanziamento del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

(12 luglio 2011)