AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2011: Sostegno all’uso di pannolini lavabili


CONTRIBUTI PER PANNOLINI LAVABILI IN ASILI NIDO, OSPEDALI E STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER BAMBINI

PRESENTAZIONE

Dal 2008 l'Assessorato all'ambiente della Provincia ha promosso, presso le famiglie, l'uso dei pannolini lavabili che costituiscono una valida alternativa al prodotto usa-e-getta in termini di salvaguardia ambientale e risparmio economico: il 10% dei rifiuti indifferenziati sul territorio è costituito dai pannolini per bambini, ogni nuovo nato consuma in tre anni più di 6.000 pannolini, circa una tonnellata di rifiuti, vale a dire 0,75-1 Kg al giorno di pannolini a fronte di una produzione media giornaliera di circa 1,4 Kg di rifiuti urbani per persona registrati nel territorio provinciale.
L'iniziativa ha avuto un buon esito, tanto che è stata proseguita anche negli anni successivi, ed in parallelo è stata avviata un'attività di informazione rivolta alle strutture come gli asili nido e gli ospedali, oltreché attraverso i pediatri di base. Grazie a queste sollecitazioni, nel 2010 il Comune di Ivrea ha chiesto un contributo ed avviato un progetto per la promozione e l'uso di pannolini lavabili all'interno dell'asilo nido comunale.
Ora la Provincia ha deciso di estendere questa sperimentazione a tutto il territorio, ed ha promosso un bando per la promozione dell'uso di pannolini lavabili all'interno di ospedali, asili nido e strutture di accoglienza per bambini, che prevede la concessione di contributi per l'acquisto dei pannolini riutilizzabili, incluse mutandine, salviette e bidoni raccogli-pannolino.
L'obiettivo è duplice intervenire sulle grandi utenze che sono quelle che producono maggiori quantità di rifiuti, e offrire una soluzione di contenimento dei costi, consentendo alle famiglie, che già hanno optato per l'uso dei pannolini lavabili, la continuità delle scelte fra scuola e famiglia: i pannolini lavabili, va ricordato, creano anche meno allergie ed arrossamenti di quelli usa-e-getta.
Il contributo concesso sarà pari al 75% dell'importo totale del materiale che si andrà ad acquistare fino a un limite di tremila euro, della spesa sostenuta.

(21 gennaio 2011)