AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Viabilità > ANNO 2011: Nuova rotonda di Oslera


NUOVA ROTONDA DI OSLERA:
PIÙ SICUREZZA E MAGGIOR FRUIBILITÀ DEL PARCO DELLA MANDRIA


PRESENTAZIONE

È stato presentato nella Sala del Consiglio comunale di Robassomero, il progetto della rotonda Oslera, all’incrocio tra la strada provinciale 1 e la Zona Industriale di Robassomero. Erano presenti il sindaco di Robassomero Antonino Massa, la presidente dell’Ente Parco La Mandria Emanuela Guarino e l’assessore alla Viabilità della Provincia di Torino Alberto Avetta.

La rotonda Oslera rientra nel più ampio programma, recentemente avviato dalla Provincia di Torino, di messa in sicurezza della SP 1 e della SP 724 di Villanova Canavese. Il progetto prevede diversi interventi, i cui lavori sono partiti da circa un mese, con la costruzione di due rotonde: la prima nel Comune di Villanova, all’intersezione fra la SP 724 e la SP 725, e la seconda nel Comune di Fiano, all’intersezione con la SP 724 per Cafasse.

All’interno di questo progetto è stata predisposta dagli uffici tecnici della Provincia di Torino una variante tecnica che permette di recepire altre opere, in particolare la rotatoria di Fiano fra la SP 1 e la SP 181 e, appunto, la rotonda Oslera, per costruire la quale è già stata sottoscritta dai proprietari la disponibilità dei terreni grazie all'interessamento dei sindaci di Fiano e Robassomero.

Proprio sulla rotatoria Oslera sarà aperto un nuovo ingresso al Parco della Mandria, secondo le modalità recentemente definite dall’Ente Parco e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici. In questo modo si migliorerà la fruibilità ciclabile e pedonale per le rotte storiche del Parco la Mandria, completando una rete di percorsi ciclabili che collegano il parco con i Comuni del Canavese, in attuazione al Programma Piste Ciclabili della Provincia di Torino. È prevista la sistemazione in loco di circa 40 posti parcheggio, da utilizzare per l'accesso al Parco e per il car-pooling (l’utilizzo collettivo di auto private) durante i giorni feriali. Per l’illuminazione della rotonda e del viale di accesso alla Zona Industriale di Robassomero si utilizzeranno lampade speciali a basso consumo.

Il costo dell’intero progetto, comprensivo delle quattro rotonde, ammonta a 1 milione e 840 mila euro.

(19 dicembre 2011)