AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2013: Produzione di rifiuti in calo


LA CRISI PROLUNGA IL TREND DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI
L'Osservatorio Rifiuti della Provincia di Torino pubblica il Rapporto annuale


PRESENTAZIONE

Le analisi dell'Osservatorio Rifiuti della Provincia di Torino confermano che la produzione di rifiuti è in calo: il Rapporto annuale sui rifiuti urbani, contenente i numeri complessivi del 2011 e i primi sintetici dati del primo semestre 2012, dimostra che la produzione complessiva di rifiuti urbani totalizzata nel 2011 è diminuita del 2,3% rispetto al 2010, riprendendo il trend di riduzione dopo un anno di sostanziale stabilità.
Si tratta di una contrazione di circa 26.000 tonnellate, che porta il totale dei rifiuti prodotti nel 2011 nel territorio della provincia di Torino a 1 milione e 104 mila tonnellate: un quantitativo inferiore alla previsione fatta per il 2011 dal Piano provinciale di gestione dei rifiuti del 2006, che era pari a 1 milione e 134 mila tonnellate.
Sono diminuiti del 3,1% i rifiuti indifferenziati, quelli che finiscono nei cassonetti generici e poi in discarica (e prossimamente nel termovalorizzatore), il che significa che si è ridotto anche il fabbisogno di smaltimento.
La percentuale di raccolta differenziata, nell'intera provincia, è salita al 50,1%: valore sostanzialmente stabile per il terzo anno consecutivo, a un livello di eccellenza nel panorama italiano, soprattutto tra le grandi province italiane.
Il rapporto è pubblicato solo sul nostro web, in coerenza con una scelta di risparmio di risorse sia economiche sia ambientali, e da quest'anno è corredato anche dai dati in formato csv, scaricabili e utilizzabili con un foglio di calcolo.

(21 gennaio 2013)