AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Viabilità > ANNO 2013: Un ponte Bailey per collegare Viù e Lemie


UN PONTE BAILEY PER COLLEGARE VIÙ E LEMIE


PRESENTAZIONE

Entro la fine del mese di maggio un ponte Bailey collegherà Viù a Lemie sulla strada provinciale 32 in sostituzione dello storico ponte ad arco sul torrente Stura, garantendo un collegamento stabile e accessibile anche ai mezzi fino a 44 tonnellate.

E’ la soluzione che la Provincia ha proposto ai sindaci di Usseglio, Viù e Lemie, che hanno incontrato il Presidente Antonio Saitta e l’assessore alla viabilità Alberto Avetta per discutere della viabilità in zona.

Il ponte ad arco sulla Stura era stato chiuso a fine marzo, e per garantire il transito la Provincia ha aperto a metà aprile un guado che consente il passaggio di mezzi pesanti, e che viene monitorato sia con presidi diurni dai volontari, sia durante la notte con una webcam: tuttavia in caso di maltempo o di portate d'acqua dello Stura di una certa entità deve essere chiuso.

Per far fronte al disagio, la Provincia costruirà un ponte Bailey a fianco al vecchio ponte: se non vi saranno impedimenti legati al maltempo, il ponte sarà pronto per la fine di maggio. E nel frattempo, verrà portata avanti la progettazione per un nuovo ponte, che per rispettare la normativa dovrà essere in grado di smaltire portate ben più consistenti dell’attuale e avere una luce più ampia.
"E’ l’unica soluzione percorribile al momento" hanno spiegato il presidente Saitta e l’assessore Avetta "ci rendiamo conto che la Valle di Viù aspetta un intervento più complessivo, ma la situazione è nota: la Provincia per ora può solo intervenire per le emergenze, utilizzando i fondi di riserva, e non sugli investimenti".

(18 aprile 2013)