AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Viabilità > ANNO 2013: Settimana della sicurezza stradale


LA PROVINCIA DI TORINO PER
LA SETTIMANA MONDIALE DELLA SICUREZZA STRADALE

PRESENTAZIONE

Si terrà dal 6 al 12 maggio la Seconda Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, promossa dalle Nazioni Unite e dedicata quest’anno alla sicurezza dei pedoni. L’evento intende portare l’attenzione su questo tema attraverso azioni concrete che consentano di raggiungere l’obiettivo definito per il decennio 2011-2020: salvare 5 milioni di vite.

La Provincia di Torino da sempre orienta in tale direzione le proprie politiche in materia viabilità. Negli ultimi dieci anni il numero degli incidenti con feriti sui 3.300 km di strade del territorio provinciale torinese è molto diminuito, scendendo dagli 8.816 del 2002 ai 5.683 dello scorso anno, e il numero delle vittime è passato dai 213 morti del 2003 ai 119 del 2011 e del 2012. I dati confermano l'importanza di aver investito come Provincia di Torino negli ultimi anni ingenti risorse sulla sicurezza stradale: la riduzione di incidenti ha comportato un risparmio di vite umane, ma anche un minor costo complessivo per le finanze pubbliche negli interventi sanitari.

Come spiega l'assessore alla Viabilità della Provincia di Torino Alberto Avetta “sono innumerevoli gli interventi realizzati sulle nostre strade per aumentare la sicurezza di tutte le categorie di utenti: pedoni, ciclisti e conducenti dei mezzi a motore”. Ma non bisogna dimenticare che rotonde, piste ciclabili, nuovi guard-rail, attraversamenti pedonali protetti e altro non bastano “se chi percorre le strade non rispetta scrupolosamente le norme del codice” ammonisce l’assessore.

“In ogni caso quello che abbiamo fatto non ci basta” aggiunge Avetta. “Molto ancora è nei programmi dell’Ente, tuttavia oggi siamo impotenti perché le azioni positive sono soffocate dalle norme sul patto di stabilità, che inibiscono la nostra capacità di investimento. Chiediamo solo “conclude l’assessore “di poter continuare a svolgere un compito indispensabile che, negli anni, abbiamo dimostrato di saper gestire al meglio".

(06 maggio 2013)