AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > ANNO 2014: Un cervo sulla Torino-Bardonecchia


CATTURATO E LIBERATO UN CERVO
SULL’AUTOSTRADA TORINO-BARDONECCHIA

PRESENTAZIONE

Filmato: Il cervo nella galleria
Durata: 00' 29"

Filmato: Le fasi della cattura e della liberazione
Durata: 09' 37"


All’una e trenta di mercoledi 6 agosto il personale della Sitaf ha avvistato un cervo che percorreva la carreggiata dell’Autostrada della Val Susa, in direzione di Bardonecchia, ed ha immediatamente avvertito il Servizio Tutela della Fauna e Flora della Provincia di Torino.

Gli Agenti Faunistico Ambientali sono intervenuti sul posto dopo che la stessa Sitaf ha provveduto ad interrompere il traffico sulla corsia di sorpasso dell’autostrada.

L’animale è stato introdotto in un tunnel di collegamento tra le due carreggiate, più precisamente all’interno della galleria di Cels, nel territorio del comune di Exilles, dove è stato posto in sicurezza con la formazione di barriere di reti e furgoni.

Sul posto sono poi giunte altre pattuglie di agenti, accompagnate dal professor Giuseppe Quaranta della Facoltà di Medicina Veterinaria, munite di anestetici e di un fucile lancia siringhe.

A questo punto l’animale, un cervo maschio di oltre un anno dal peso di 110 chilogrammi, è stato narcotizzato e catturato per poi essere trasportato in una zona sicura, in località Pelleusieres nel comune di Oulx e infine liberato. Una volta aperta la gabbia il cervo si è velocemente allontanato.

(07 agosto 2014)