AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Ambiente > Piano d'azione per l'energia sostenibile


APPROVATO IN CONSIGLIO PROVINCIALE IL PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE

E' stato approvato martedì 21 gennaio dal Consiglio provinciale il Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile della Provincia di Torino. Elaborato nell'ambito del progetto Europeo Cities on Power, cofinanziato dal Programma Europa Centrale, il Piano prende le mosse dall'analisi del contesto energetico che emerge dall'ultimo Rapporto sull'Energia della Provincia di Torino.

Il documento di pianificazione della Provincia parte da alcune premesse:

  • il comparto su cui deve essere rivolta l'attenzione principale è quello edilizio, con particolare riferimento sia al settore residenziale sia a quello pubblico;
  • il settore industriale e quello dei trasporti registrano importanti riduzioni dei consumi, superiori alle attese;
  • il contributo delle fonti rinnovabili deve essere ulteriormente incentivato, dando tuttavia priorità al contenimento dei consumi finali;
  • le reti energetiche (ad esempio il teleriscaldamento e le reti del gas) necessitano sempre più di un livello di governo di area vasta.

Sulla base di tali premesse, gli obiettivi specifici del Piano fissati per il 2020 sono:

  • una riduzione dei consumi energetici di circa il 24% rispetto all'andamento tendenziale;
  • un contributo delle fonti energetiche rinnovabili negli usi finali di energia variabile tra il 18% e il 21%;
  • una riduzione delle emissioni di CO2 rispetto ai valori del 1990 di circa il 42%.

In particolare sono state individuate 22 azioni specifiche tese a valorizzare il ruolo di governo di area vasta di livello intermedio tra la Regione e i Comuni e in grado, al contempo, di instaurare strategiche alleanze locali e internazionali per intercettare al meglio le risorse finanziarie disponibili a livello europeo e rendere più efficace l'azione del territorio.

Il Piano giunge al termine di un intenso processo di partecipazione che ha visto coinvolti i principali attori locali del territorio e individua alcune linee di intervento prioritario, tra le quali l'assistenza agli enti locali territoriali nella definizione di politiche e progetti in materia di energia e la promozione del risparmio energetico e dell'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili.


(22 gennaio 2014)