AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Viabilità > ANNO 2014: Frana di San Germano


FRANA DI SAN GERMANO,
LIMITAZIONI AL TRAFFICO SOLO NEI GIORNI FERIALI

Presentazione

Prosegue l’opera di consolidamento sulla parete rocciosa da cui si è staccata la frana che nei giorni scorsi aveva interrotto la Provinciale 168 nel Comune di San Germano Chisone. Grazie all’avanzamento dei lavori, i Sindaci di San Germano e di Pramollo hanno emesso una nuova ordinanza che, fermo restando il senso unico alternato, consente il transito “a tutte le categorie di utenti (veicoli e pedoni)” senza limitazioni di orario “nei giorni e negli orari durante i quali le ditte incaricate non effettuano i lavori”.

Alla luce delle nuove disposizioni, quindi, nelle giornate di lavoro il transito sulla Sp 168 è consentito fino alle 8.45, tra le 12 e le 13.30 e dopo le 18, mentre la domenica e nei giorni festivi si può circolare tutto il giorno. Allo stesso modo, sparisce il divieto di transito durante la notte.

(21 marzo 2014)


FRANA DI SAN GERMANO, RIAPRE AL TRAFFICO LA STRADA PROVINCIALE 168

È stata riaperta al traffico, pur se a senso unico alternato e a fasce orarie, la Provinciale 168 di San Germano Chisone.
Il transito, fino a nuovo ordine, è consentito, sotto vigilanza e monitoraggio continui, dalle 5 alle 8.30, dalle 12 alle 13.30 e dalle 18 alle 24.
Devono ancora terminare, infatti, i lavori di consolidamento sulla parete rocciosa da cui si è staccata la frana.

"Come avevamo promesso nei giorni scorsi, la Provinciale 168 torna a collegare San Germano e Pramollo, che non è più isolata" commenta l’assessore alla Viabilità della Provincia di Torino Alberto Avetta.
"Tecnici e cantonieri della nostra Viabilità, in collaborazione con il Servizio Protezione civile, hanno lavorato a tempo di record per liberare la parete dai massi pericolanti e per sgomberare la strada".

(17 marzo 2014)


FRANA DI SAN GERMANO,
AVETTA: "ENTRO POCHI GIORNI RIAPRIREMO LA STRADA"

Filmato: La frana vista dal drone
Durata : 01' 18"

Iniziate le operazioni di sgombero della carreggiata, mercoledì sono stati fatti brillare i grandi massi che incombevano sulla strada.

“Sulla scorta delle valutazioni effettuate oggi, posso dire che entro qualche giorno riapriremo la strada al transito, pur se con qualche probabile limitazione”. L’assessore alla Viabilità e alla Protezione civile della Provincia di Torino Alberto Avetta ha concluso con queste parole il sopralluogo svolto martedì scorso a San Germano Chisone, nel punto della Sp 168 dove venerdì 7 marzo si è verificata la grande frana di rocce che ha completamente ostruito la carreggiata isolando l’abitato del paese di Pramollo. “Ho avuto occasione di apprezzare il grande lavoro di squadra svolto da Viabilità e Protezione civile provinciali, Sindaci, Croce Rossa, Soccorso Alpino e Consiglio Nazionale delle Ricerche, che ci aiuta per individuare la miglior soluzione del problema” ha aggiunto Avetta. “Tutto ciò conferma l’insostituibilità del ruolo e delle competenze di un Ente di area vasta come la Provincia nella gestione del territorio”.

Grazie alla collaborazione della Croce Rossa di Settimo Torinese, i Comuni di San Germano e di Pramollo hanno organizzato un sistema di navette che collega i due centri abitati attraverso una viabilità secondaria, con l’unico inconveniente – a metà del percorso - dell’attraversamento a piedi di un sentiero per una distanza di circa trecento metri. La Croce Rossa ha anche installato un presidio sanitario a Pramollo, a disposizione delle 150 famiglie rimaste isolate.
Mercoledì 12 marzo sono stati fatti brillare i grandi massi, rimasti in precario equilibrio sul versante, che incombevano sulla Sp 168, e che non potevano essere rimossi con gli escavatori. Giovedì sono quindi potute cominciare le operazioni di sgombero di tutto il materiale pietroso finito sulla strada, e sono iniziati anche gli interventi di consolidamento del versante.

La frana avvenuta venerdì nel tratto della SP 168 compreso tra il km 1+450 e il km 1+650 era stata preceduta da una serie di movimenti franosi, con distacco di porzioni di rocce. Gli accertamenti geologici subito eseguiti dal Servizio Programmazione Viabilità della Provincia avevano suggerito fin da giovedì 6 marzo la necessità di un monitoraggio e un presidio dei cantonieri della Provincia e del personale della Protezione civile 24 ore su 24, oltre che del transito a senso unico alternato. Grazie al dispiegamento dei controlli, è stato possibile prevenire la frana bloccando la circolazione, visto l’aggravarsi della situazione del versante sovrastante la strada.

(13 marzo 2014)