AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Cultura > ANNO 2014: Pashedu, un artista al servizio del Faraone


Saitta ed Evelina Christillin visitano a Rivoli la mostra
“Pashedu, un artista al servizio del faraone”


PRESENTAZIONE

Filmato: Pashedu: un artista al servizio del faraone
Durata : 03':50''

Filmato: Intervista ad Antonio Saitta (Presidente Provincia di Torino)
Durata : 01':42''

Filmato: Intervista ad Evelina Christillin (Presidente Fondazione Museo Egizio)
Durata : 02':46''

Filmato: Intervista a Donatella Avanzo (Curatrice della Mostra)
Durata : 02':59''

Filmato: Intervista a Franco Rolfo (Assessore alla Cultura - Rivoli)
Durata : 00':53''

Si chiamava Pashedu ed era un vero e proprio artista dell'antico Egitto al servizio del faraone, probabilmente un pittore addetto alla costruzione e alla manutenzione delle tombe degli antichi Re.

La ricostruzione in scala 1:1 della sua tomba proveniente dal Museo Archeologico di Oderzo (TV), recentemente esposta ad Aquileia - l'originale si trova nella necropoli del villaggio egiziano di Deir-el-Medina, nei pressi di Luxor - è al centro della mostra "L'arte egizia incontra l'arte contemporanea" in corso alla Casa del Conte Verde di Rivoli fino al prossimo 30 marzo.

La ricostruzione della tomba di Pashedu è fedele nei più piccoli dettagli e riproduce esattamente la camera funeraria sotterranea, l'ipogeo, destinato ad ospitare la mummia del pittore, mentre la struttura soprastante, culminante nella piramide, realizzata da Renato Ostorero costruttore di scenografie, è esposta a Rivoli nella centrale piazza Martiri della Libertà.

Mercoledì 12 febbraio la mostra ha avuto due visitatori d'eccezione: il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e la presidente del Museo Egizio di Torino Evelina Christillin.

Curata da Donatella Avanzo con la collaborazione del professor Alessandro Roccati dell'Accademia delle Scienze di Torino e del professor Emanuele Ciampini dell'università Ca' Foscari di Venezia, la mostra è stata organizzata dal Comune di Rivoli e dalla locale università per la Terza età e propone un originale confronto tra le opere d'arte antiche e contemporanee.

La passione per l'antichità egizia è infatti di lunga data ed ha sempre caratterizzato il gusto collezionistico, fatto di esotismo e curiosità, passando dal Manierismo al Barocco, dal Settecento all'Ottocento quando poi esploderà una vera “'Egittomania” giunta fino a noi.

(12 febbraio 2014)