AVVISO AGLI UTENTI

Dal 1° gennaio 2015 la Città Metropolitana ha sostituito la Provincia di Torino.

L'UNICA PARTE ACCESSIBILE E REGOLARMENTE AGGIORNATA DI QUESTO SITO RIGUARDA L'ALBO PRETORIO ONLINE CHE L'UTENZA PUÒ CONTINUARE A CONSULTARE.

Le nuove pagine, i canali e le informazioni valide per la continuità della gestione e dell'erogazione di servizi, sono raggiungibili dal portale della Città metropolitana di Torino.


HOME | WELCOME/BIENVENUE | URP | MEDIAGENCYPROVINCIA | ACCESSIBILITÀ

MediAgencyProvincia di Torino

Speciali


Sei in: Home > MAP > Speciali > Trasporti > ANNO 2014: Orbassano - Torino Stura, firmato l’accordo di programma


Al via le opere per la nuova linea Orbassano – Torino Stura
Firmato l’accordo di programma per la linea 5 del servizio ferroviario metropolitano


PRESENTAZIONE

Filmato: In partenza la nuova linea ferroviaria Orbassano - To Stura
Durata: 02' 28"

E’ stato siglato mercoledì 12 febbraio l’accordo di programma che definisce e finanzia le opere infrastrutturali necessarie per l’attivazione della linea5 del servizio ferroviario metropolitano Orbassano – Torino Stura. Un’intesa strategica che permette di realizzare un ulteriore intervento infrastrutturale per il potenziamento del trasporto locale nell’ambito delle compensazioni del termovalorizzatore di TRM, nonché una prima opera connessa alla futura realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino – Lione.

Nel dettaglio, l’accordo prevede la progettazione e la realizzazione delle seguenti opere infrastrutturali necessarie per l’avvio del servizio SFM5 previsto nel 2018:

  • l’itinerario interno allo scalo merci di Orbassano;
  • la fermata “Orbassano / Ospedale S.Luigi”;
  • le opere di regimazione idraulica per mettere in sicurezza il Movicentro e l’accesso alla fermata “Ospedale S. Luigi” di Orbassano. Il Movicentro sarà il centro d’interscambio modale di Orbassano (fabbricato polifunzionale, con servizi ai viaggiatori ed esercizi commerciali, accessi pedonali e viari, aree di sosta bus e parcheggi) adiacente alla futura linea ferroviaria SFM5.

Nell’accordo, anche lo studio di fattibilità e progettazione preliminare della fermata “Borgata Quaglia / Le Gru” di Grugliasco”, opera che risulta necessaria in quanto localizzata nel Comune di Grugliasco, caratterizzato da un elevato livello di urbanizzazione e dove si trovano attuali o potenziali attrattori: va tenuto conto infatti che oltre all'area commerciale Le Gru - ex Ikea, nella quale si è riscontrato un afflusso annuo di 12.000.000 visitatori, con minimo di 25.000 e un massimo di 70.000 giornalieri, è di prossima realizzazione come ulteriore futuro attrattore il simulatore di caduta libera nel vuoto per attività ludico sportive e scientifiche. Nella zona insistono poi l'insediamento commerciale di Decathlon, con afflusso annuo di circa 2.000.000 visitatori e il complesso scolastico del Barocchio, di proprietà della Provincia di Torino che ospita diversi istituti superiori scolastici con afflusso giornaliero di migliaia di studenti, oltre agli impianti sportivi tra il centro commerciale e corso Allamano, infine il lotto 1 verso via Crea nel quale il Piano regolatore di Grugliasco prevede 11.000 mq di superficie utile lorda a destinazione mista produttivo, commerciale direzionale, turistico ricettivo, residenziale.

Il valore complessivo dell’Accordo ammonta a 18.500.000€, così suddivisi: Regione Piemonte 51%, RFI 31%, TRM 18%.

Per la progettazione e la realizzazione delle opere di regimazione idraulica e messa in sicurezza del sito su cui sorgerà il Movicentro, il soggetto attuatore sarà la Provincia di Torino; l’importo delle opere, stimato in € 400.000, sarà finanziato da TRM nell’ambito della quota complessiva di euro 3.700.000.

Eventuali economie dei contributi previsti saranno utilizzate, previa successiva modifica dell’Accordo di programma, per proseguire con le attività di progettazione definitiva e realizzazione dell’infrastruttura prevista a Borgata Quaglia, in ragione delle risorse finanziarie che si renderanno disponibili, eventualmente integrate con ulteriori risorse in conto compensazioni per la nuova linea ferroviaria Torino-Lione. Gli interventi per l’attivazione della nuova linea ferroviaria SFM 5 dovranno essere coerenti con le soluzioni progettuali individuate per il progetto del nuovo collegamento ferroviario Torino-Lione.


“L’Accordo costituisce una conquista: non la solita politica dei tagli ai servizi trasporto pubblico locale, su ferro o su gomma, ma un importante investimento di 18,5 Milioni di Euro che va nella direzione di incrementare l’offerta di trasporto sostenibile in un’area a forte domanda di mobilità” commenta Antonio Saitta presidente della Provincia di Torino che ricorda: “La Provincia di Torino sostiene da sempre il progetto del Sistema Ferroviario Metropolitano (SFM) quale modello di mobilità sostenibile. Oggi sono finalmente disponibili i fondi per la realizzazione delle opere necessarie all’attivazione, si completa il sistema il Movicentro, centro d’interscambio modale adiacente alla nuova fermata ferroviaria Ospedale S. Luigi”, già finanziato nell’ambito delle compensazioni ambientali del termovalorizzatore”.

“Il via libera alla realizzazione delle opere per la nuova linea SFM5 Orbassano - Torino Stura costituisce un passo in avanti significativo per una parte importante del nostro territorio sia per quanto riguarda i trasporti, che per quanto concerne la fruibilità di una delle strutture ospedaliere di riferimento della provincia di Torino come il San Luigi di Orbassano” aggiungono il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e l’assessore regionale ai trasporti Barbara Bonino per i quali “si tratta di un intervento molto concreto che va a potenziare quello che sta a poco a poco diventando uno dei servizi ferroviari metropolitani più importanti d’Italia. In soli 3 anni, nonostante i pesanti tagli da Roma, abbiamo riformato l'intero nodo di Torino, dando alla città un servizio SFM al pari di quello milanese e tedesco. L’investimento garantito dalla Regione sull’SFM5, va a sommarsi agli altri 180.000.000 per la realizzazione dell’interconnessione Rebaudengo-Grosseto, unitamente agli ultimi 10.000.000 inseriti a bilancio per l’elettrificazione della Alba – Bra. Nel 2018 il sistema di trasporti SFM permetterà da più di 95 stazioni di raggiungere l’aeroporto di Torino Caselle”.

Aggiunge il Sindaco di Orbassano Eugenio Gambetta: “Provo un grande senso di soddisfazione, che ci ripaga di tutte le riunioni, approfondimenti tecnici, valutazioni ambientali e impegno profuso per perseguire un progetto ambizioso, creare una nuova linea di ferrovia metropolitana a servizio di un’importante area a sudovest di Torino e di una grande struttura sanitaria come il S. Luigi. Questo non è solo un punto di arrivo, ma un concreto inizio per sviluppare e ampliare in futuro un così fondamentale servizio che racchiude più valenze: l’utilizzo da parte dei pendolari, i viaggiatori occasionali, il flusso ambientalista verso il Parco del Sangone, il flusso sportivo con il collegamento a tutte le piste ciclabili, il flusso legato all’ospedale con previsione di una navetta interna e infine il flusso legato all’Università di Medicina del S. Luigi”.

“Aspettavamo con ansia - aggiungono il sindaco di Grugliasco Roberto Montà e l'assessore ai trasporti Luigi Turco - la conferma della realizzazione di quest'opera strategica per la nostra città, in quanto consente di migliorare e incrementare ulteriormente la rete del trasporto pubblico sul territorio. Questa nuova fermata si va ad aggiungere alla SFM3 in borgata Paradiso, che però è su un altro troncone ferroviario internazionale che intercetta i passeggeri da e per la Val di Susa. Quella della zona delle Gru, invece, andrà a permettere un collegamento nord-sud, oltre che est-ovest, a quanti si recano presso la zona commerciale. Ma non solo: per i cittadini grugliaschesi il vantaggio è doppio, ridurre i tempi di percorrenza con Torino e l'ospedale San Luigi di Orbassano ed evitare, grazie a tempi e prezzi concorrenziali rispetto al trasporto privato, di usare la propria auto”.

(12 febbraio 2014)